Scritto: Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:45 Ultima modifica: Martedì, 31 Marzo 2015 21:11

Trovato un pianeta nel sistema Alpha Centauri, il più vicino alla Terra


Grazie allo strumento HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher) installato sul telescopio all'Osservatorio dell'ESO in Cile, gli astronomi hanno scoperto un pianeta in orbita intorno ad una stella simile al Sole nel sistema Alpha Centauri.

Il sistema Alpha Centauri è il più vicino alla Terra, distante solo 4,3 anni luce: è un sistema triplo composto da due stelle simili al nostro Sole, Alpha Centauri A e B e da una stella rossa più distante e debole, Proxima Centauri.

Rate this item
(0 votes)

Sistema Alpha Centauri

Credit: ESO/L. Calçada/N. Risinger (skysurvey.org)

Grazie allo strumento HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher) installato sul telescopio all'Osservatorio dell'ESO in Cile, gli astronomi hanno scoperto un pianeta in orbita intorno ad una stella simile al Sole nel sistema Alpha Centauri.

Il sistema Alpha Centauri è il più vicino alla Terra, distante solo 4,3 anni luce: è un sistema triplo composto da due stelle simili al nostro Sole, Alpha Centauri A e B e da una stella rossa più distante e debole, Proxima Centauri.

E' più di un secolo che gli astronomi cercano la prova dell'esistenza di pianeti in orbita in questo sistema, finora senza alcun risultato. Adesso la sensazionale scoperta.

Il pianeta alieno orbita a 6 milioni di chilometri intorno ad Alpha Centauri B ed è stato scoperto proprio osservando le deboli oscillazioni della sua stella. Ha una massa poco più grande di quella terrestre ma la sua posizione lo rende probabilmente troppo caldo per poter ospitare forme di vita. Sulla sua superficie potremmo trovare solo roccia fusa: la sua orbita infatti è molto più vicina ad Alpha Centauti B di quanto non sia quella di Mercurio rispetto al nostro Sole.

Alpha Centauri A, molto più lontana, dovrebbe essere comunque un bel punto luminoso visibile dalla superficie del pianeta.

Alpha Centauri Bb, questo è il nome del pianeta, è appena il 13% più massiccio della Terra, suggerendo che, nonostante le alte temperature, sia un mondo roccioso. Oltre ad essere il pianeta extrasolare più vicino conosciuto, è anche il primo ad avere una massa simile a quella terrestre e ad orbitare intorno ad una stella simile al nostro Sole. Probabilmente sulla sua superficie ci sono oltre i 1.227 C° il che, lo rende inadatto ad ospitare la vita così come la conosciamo. Probabilmente è un pianeta di roccia fusa e lava.

Questa scoperta apre la strada ad altre possibilità: il pianeta intorno ad Alpha Centauri B potrebbe non essere l'unico ed anche Alpha Centauri A e Proxima Centauri potrebbero ospitare mondi alieni.

Alla luce dei nuovi fatti, il sistema sarà di nuovo oggetto di intensi studi scientifici.

Ci stiamo avvicinando alla meta: è stato quasi trovato il vero gemello della Terra e a "pochi chilometri" da casa!!

Read 8311 times Ultima modifica Martedì, 31 Marzo 2015 21:11
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista