Scritto: Sabato, 06 Ottobre 2012 08:11 Ultima modifica: Sabato, 06 Ottobre 2012 08:54

Scoperto un nuovo buoco nero nella Via Lattea dal satellite della NASA Swift


Un nuovo buco nero nella Via LatteaIl satellite Swift della NASA recentemente ha rilevato una crescente ondata di raggi x proveniente dall'interno della nostra galassia, la Via Lattea.

A segnalarne la presenza, una rara esplosione di una nova che emette raggi x.

Rate this item
(0 votes)

Source: http://youtu.be/_W-QEs8sKE0

Il satellite Swift della NASA recentemente ha rilevato una crescente ondata di raggi x proveniente dall'interno della nostra galassia, la Via Lattea.

A segnalarne la presenza, una rara esplosione di una nova che emette raggi x.

Una nova x è una sorgente che diffonde raggi x per brevissimo tempo: appare all'improvviso, raggiunge un picco di emissione in un paio di giorni e poi decade nell'arco di qualche mese. L'esplosione si verifica quando il gas immagazzinato precipita improvvisamente verso un oggetto molto compatto, come una stella di neutroni o un buco nero.

Swift lo scorso 16 settembre ha rilevato due forti picchi di raggi x provenire dal centro della nostra galassia ed ancora una volta il giorno successivo.
La sorgente di raggi x, chiamata Swift J1745-26, si trova quasi al centro della Via Lattea, nella costellazione del Sagittario. Non se ne conosce invece, l'esatta distanza: forse 20.000 o 30.000 anni luce dalla regione più interna della galassia.

Swift ha potuto rilevare il fenomeno grazie alle emissioni radio ed infrarosse, mentre una fitta polvere scura ne impedisce la cattura nello spettro del visibile.

La nova ha raggiunto un picco di energia superiore a 10.000 elettronvolt il 18 settembre.

"L'andamento che stiamo osservando nei raggi x è tipico delle nove in cui l'oggetto centrale è un buco nero", ha detto Boris Sbarufatti, astrofisico dell’Osservatorio Astronomico di Brera dell’INAF (Milano), che attualmente sta collaborando con il team dello Swift della Penn State University, in Pennsylvania.

Il buco nero deve far parte di un sistema binario, con la stella compagna simile al Sole: un sistema che gli astronomi chiamano "binaria X di piccola massa". Il flusso di gas passa dalla stella normale al disco intorno al buco nero, riscaldandosi e producendo raggi x.

Il satellite della NASA Swift è un osservatorio multibanda, realizzato in collaborazione con Italia e Regno Unito.
L'Italia, che ha fornito in particolare lo specchio del telescopio XRT, partecipa tutt'ora molto attivamente alla missione.

Read 2517 times Ultima modifica Sabato, 06 Ottobre 2012 08:54
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista