Il primo meteorite del gruppo Nakhla cadde in Egitto, a El-Nakhla, presso Alessandria d'Egitto, nel 1911, milioni di anni dopo l'impatto che deve averlo eiettato dal Pianeta Rosso. Pesava circa 10 chilogrammi.

Meteorite Nakhla

Credit: NASA

Opale di fuoco - credit: Didier DescouensRecenti analisi, pubblicate sulla rivista Meteoritics and Planetary Science, hanno mostrato che, al suo interno, sono contenute tracce di una gemma conosciuta sulla Terra come "opale di fuoco", per il suo colore acceso giallo - arancione.

L'opale, che è un minerale amorfo (silice idrata: SiO2·nH2O), deve essersi formato su Marte a seguito dell'interazione dell'acqua, che una volta scorreva sul Pianeta Rosso, con la silice all'interno della roccia.

Il professore Martin Lee della School of Geographical and Earth Sciences, autore principale del documento, ha detto: "Il campione di Nakhla che abbiamo è piccolo e la quantità di opale di fuoco che abbiamo trovato è ancora più piccola ma la nostra scoperta è significativa per un paio di motivi".

"In primo luogo, conferma definitivamente i risultati di imaging e l'esplorazione della superficie di Marte della NASA, che sembrava mostrare giacimenti di opale. Questa è la prima volta in cui è stato identificato un contenuto opalino in una roccia marziana sulla Terra".

"In secondo luogo, sappiamo che sulla Terra, opali come questi, si sono formati intorno a sorgenti idrotermali, dove la vita microbica prospera e l'opale può intercettarla e conservarla per milioni di anni.  Se esistevano microbi marziani è possibile che siano conservati in depositi di opale sulla superficie di Marte", ed è lì che dovremmo andare a cercare!

Opal-A in the Nakhla meteorite: A tracer of ephemeral liquid water in the Amazonian crust of Mars [abstract]

The nakhlite meteorites are clinopyroxenites that are derived from a ~1300 million year old sill or lava flow on Mars. Most members of the group contain veins of iddingsite whose main component is a fine-grained and hydrous Fe- and Mg-rich silicate. Siderite is present in the majority of veins, where it straddles or cross-cuts the Fe-Mg silicate. This carbonate also contains patches of ferric (oxy)hydroxide. Despite 40 years of investigation, the mineralogy and origins of the Fe-Mg silicate is poorly understood, as is the paragenesis of the iddingsite veins. Nanometer-scale analysis of Fe-Mg silicate in the Nakhla meteorite by electron and X-ray imaging and spectroscopy reveals that its principal constituents are nanoparticles of opal-A. This hydrous and amorphous phase precipitated from acidic solutions that had become supersaturated with respect to silica by dissolution of olivine. Each opal-A nanoparticle is enclosed within a ferrihydrite shell that formed by oxidation of iron that had also been liberated from the olivine. Siderite crystallized subsequently and from solutions that were alkaline and reducing, and replaced both the nanoparticles and olivine. The fluids that formed both the opal-A/ferrihydrite and the siderite were sourced from one or more reservoirs in contact with the Martian atmosphere. The last event recorded by the veins was alteration of the carbonate to a ferric (oxy)hydroxide that probably took place on Mars, although a terrestrial origin remains possible. These results support findings from orbiter- and rover-based spectroscopy that opaline silica was a common product of aqueous alteration of the Martian crust.