Scritto: Lunedì, 24 Settembre 2012 21:02 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Agosto 2014 21:23

L'alone di gas caldo che circonda la Via Lattea e i barioni mancanti by Chandra X-ray


Grazie al telescopio orbitale della NASA, Chandra X-ray Observatory, gli astronomi hanno determinato che la nostra galassia è circondata da un alone di gas caldo che si estende per centinaia di migliaia di anni luce: la massa stimata di tutto l'alone è paragonabile alla massa delle stelle di tutta la Via Lattea.

Se la dimensione e la massa di questo alone di gas fosse confermata, la scoperta potrebbe anche essere una spiegazione per il problema noto come "barione mancante".

Rate this item
(0 votes)

Via Lattea

Credit: NASA/CXC/M.Weiss; NASA/CXC/Ohio State/A.Gupta et al

Grazie al telescopio orbitale della NASA, Chandra X-ray, gli astronomi hanno determinato che la nostra galassia è circondata da un alone di gas caldo che si estende per centinaia di migliaia di anni luce: la massa stimata di tutto l'alone è paragonabile alla massa delle stelle di tutta la Via Lattea.

Se la dimensione e la massa di questo alone di gas fosse confermata, la scoperta potrebbe anche essere una spiegazione per il problema noto come "barione mancante".

I barioni sono particelle come i protoni e i neutroni, che compongono il 99,9% della massa degli atomi presenti nel cosmo.
Gli astronomi, analizzando le galassie lontane, sanno esattamente quanti barioni c'erano in origine dopo il Big Bang e quanti ce ne sono ora: circa la metà dei barioni che costituivano l'universo primordiale mancano all'appello.

In un recente studio, un team di cinque astronomi ha usato i dati del Chandra, del telescopio spaziale XMM-Newton  dell'Agenzia Spaziale Europea e del satellite giapponese Suzaku, per determinare la temperatura, l'estensione e la massa di questo alone di gas caldo.

In particolare, Chandra ha esaminato 8 sorgenti di raggi x ben oltre la nostra galassia e, in base all'assorbimento selettivo dei raggi x in prossimità della Via Lattea, gli scienziati hanno rilevato che la temperatura dell'alone è tra 1 milione e 2,5 milioni di kelvin, cioè un centinaio di volte più caldo della superficie del Sole.

Altri studi hanno dimostrato che la Via Lattea e altre galassie sono incorporati in un gas caldo con temperature comprese tra i 100 mila e 1 milione di kelvin. Questa nuova scoperta fornisce la prova che l'alone di gas che avvolge la Via Lattea è molto più caldo.

Sempre grazie ai dati incrociati dei telescopi orbitali e del satellite giapponese, gli scienziati hanno concluso che a massa del gas è equivalente alla massa in più di 10 miliardi di soli, forse grande come 60 miliardi di soli.
La massa stimata dipende dalla quantità di ossigeno rispetto all'idrogeno, che è l'elemento dominante nel gas.

La stima ottenuta rappresenta un importante passo in avanti per la soluzione del caso dei "barioni mancanti", un mistero che ha lasciato perplessi gli astronomi per più di un decennio: potrebbero infatti essere nascosti in un alone di gas di oltre un milione di Kelvin che avvolge la nostra galassia!
Dal'altra parte, la densità di questo alone è sufficientemente bassa perchè possa sfuggire in osservazioni di galassie lontane.

Il documento che descrive questi risultati è stato pubblicato nel numero del 1 settembre della rivista The Astrophysical Journal.

Read 2663 times Ultima modifica Mercoledì, 13 Agosto 2014 21:23
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista