Scritto: Venerdì, 21 Settembre 2012 06:12 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Agosto 2014 21:09

Il grande asteroide Vesta è circondato da idrogeno


Vesta, il primo obiettivo raggiungo dalla sonda della NASA Dawn, sarebbe circondata da materiali volatili soprattutto idrogeno, in corrispondenza dell'equatore.

Dawn ha trascorso più di un anno in orbita intorno al grande asteroide di circa 530 chilometri di diametro e all'inizio di questo mese, il 5 settembre, ha intrapreso il suo viaggio verso Ceres.

Tuttavia, le informazioni e i dati ricavati dalla prima fase della missione non smettono di stupire: nei due nuovi studi riportati sulla rivista Science ieri 20 settembre, sono stati pubblicati i risultati della mappatura della superficie di Vesta realizzata dal Gamma Ray and Neutron Detector (GRAND) della sonda Dawn.

Rate this item
(0 votes)

Credit: NASA/JPL-Caltech
Source: http://www.nasa.gov/multimedia/videogallery/index.html?media_id=152548561

Vesta, il primo obiettivo raggiungo dalla sonda della NASA Dawn, sarebbe circondata da materiali volatili soprattutto idrogeno, in corrispondenza dell'equatore.

Dawn ha trascorso più di un anno in orbita intorno al grande asteroide di circa 530 chilometri di diametro e all'inizio di questo mese, il 5 settembre, ha intrapreso il suo viaggio verso Ceres.

Tuttavia, le informazioni e i dati ricavati dalla prima fase della missione non smettono di stupire: nei due nuovi studi riportati sulla rivista Science ieri 20 settembre, sono stati pubblicati i risultati della mappatura della superficie di Vesta realizzata dal Gamma Ray and Neutron Detector (GRaND) della sonda Dawn.

Lo studio condotto da Brett Denevi, scienziato della Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory a Laurel nel Maryland, descrive la presenza di un terreno butterato intorno ai crateri, piccole depressioni li circondano probabilmente generate proprio dai composti volatili scaturiti dell'impatto.
Il calore formatosi a seguito dell'impatto destabilizza il terreno creando sostanze volatili: sarebbe proprio quando tali materiali vengono a mancare, come l'idrogeno prima intrappolato sotto forma di ghiaccio o gas, che si creerebbero piccoli avvallamenti intorno ai crateri.

Lo studio parallelo di Thomas Prettyman, scienziato del Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona, descrive come lo strumento GRaND della sonda Dawn ha evidenziato la firma dell'idrogeno probabilmente come ossidrile (ossia come gruppi OH dove l’atomo di idrogeno è legato a uno di ossigeno) sulla superficie dell'asteroide.

"L'idrogeno all'interno della superficie di Vesta sembra essere rilasciato dai minerali idrati provenienti dalle rocce ricche di carbonio che dallo spazio si scontrarono con Vesta a basse velocità, sufficienti a preservare il loro contenuto volatile", ha detto Prettyman.

Sarebbero dunque gli impatti delle condriti carbonacee a portare su Vesta i composti volatili.

Gli scienziati pensano che il ghiaccio d'acqua possa esistere in prossimità della superficie intorno ai poli dell'asteroide gigante ma è intorno all'equatore che la firma dell'idrogeno è maggiormente visibile, dove il ghiaccio d'acqua è meno stabile.

In altri casi, rocce provenienti dallo spazio profondo che impattano sulla superficie ad alta velocità, tramite il calore generato dalla collisione, possono convertire l'idrogeno legato ai minerali nell'acqua, facendolo evaporare.

Mappa dell'idrogeno su Vesta

Mapa dell'idrogeno su Vesta
Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/PSI/MPS/DLR/IDA

I nuovi risultati confermano il collegamento tra Vesta e una classe di meteoriti trovati sulla Terra chiamati Howardite, Eucrite e Diogenite che presentano elementi nei medesimi rapporti.

Read 7785 times Ultima modifica Mercoledì, 13 Agosto 2014 21:09
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista