Nuove evidenze, ora suggeriscono che il meccanismo di riscaldamento dipende da regolari ma intermittenti scoppi esplosivi di calore, piuttosto che da un continuo riscaldamento graduale. Questa ipotesi è stata presentata nel corso di una conferenza stampa ieri, 28 aprile, in occasione dell'icontro Triennial Earth-Sun Summit (TESS), ad Indianapolis, Indiana.

Quattro i ricercatori intervenuti.
Jim Klimchuk, scienziato solare del Goddard Space Flight Center della NASA di Greenbelt, nel Maryland, ha illustrato le nuove prove a sostegno che l'atmosfera solare, la corona, è riscaldata da piccole esplosioni chiamate nanoflare (nanobrillamenti). Questi sono scoppi impulsivi che raggiungono singolarmente temperature incredibilmente calde, circa 10 milioni di gradi Kelvin (9.999.727ºC), un valore ancora più alto rispetto alla temperatura media della corona.

"Le esplosioni sono chiamate nanoflare perché hanno un miliardesimo dell'energia di un flate regolare", ha detto Klimchuk. "Nonostante siano piccoli per gli standard solari, ognuno racchiude la forza di una bomba all'idrogeno da 10 megatoni. Milioni di loro emergono ogni secondo dal Sole e collettivamente riscaldano la corona".

Le prime testimonianze della presenza di questo plasma super caldo sono state presentate da Adrian Daw, scienziato solare del Goddard e ricercatore principale del Extreme Ultraviolet Normal Incidence Spectrograph (EUNIS), un razzo che raccolse un'istantanea della corona solare. EUNIS volò 15 minuti a dicembre 2013, dotato di uno spettrografo sintonizzato su una gamma di lunghezze d'onda utili per individuare il materiale a temperature di 10 milioni di gradi Kelvin, le temperature dei nanoflare. Lo spettrografo rilevò questo materiale estremamente caldo nelle regioni che, invece, sembravano tranquille.

Iain Hannah, astrofisico presso l'Università di Glasgow, in Scozia, ha parlato dei risultati di Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) che in genere esamina i raggi X emessi da stelle lontane o da buchi neri ma che, tuttavia, è anche in grado di osservare la luce molto brillante del Sole, qualcosa che la maggior parte degli osservatori astronomici non riesce a fare.

"I raggi X sono una sonda diretta nei processi ad alta energia del Sole", ha detto Hannah.
NUSTAR ha visto i raggi X che sono le firme del plasma super caldo in regioni non attive.

In ultimo, Stephen Bradshaw, astrofisico solare alla Rice University di Houston, in Texas, ha presentato un sofisticato modello computazionale utilizzato per dimostrare perché avvistare le firme dei nanoflare è stato così difficile e come le nuove prove aiuteranno i ricercatori nello studio del riscaldamento della corona solare.

Press release:
- http://www.nasa.gov/feature/goddard/sounding-rockets/strong-evidence-for-coronal-heating-theory-presented-at-2015-tess-meeting