Scritto: Martedì, 18 Novembre 2014 06:03 Ultima modifica: Giovedì, 05 Marzo 2015 05:44

La cometa Siding Spring ripresa dall'orbiter indiano Mangalyaan


Il 19 ottobre scorso è stato un giorno davvero speciale per la flotta di orbiter e rover a lavoro su Marte: la cometa Siding Spring, proveniente dalla lontana e fredda Nube di Oort, aveva effettuato un passaggio ravvicinato a soli 139.500 chilometri dalla superficie del pianeta.

Rate this item
(0 votes)
La cometa Siding Spring ripresa dall'orbiter indiano Mangalyaan Credit: ISRO

L'evento aveva tenuto impegnati i diversi team con mesi di preparativi, sia per sfruttare al meglio questa grande opportunità di osservazione e sia per proteggere i propri veicoli spaziali dalle pioggia di particelle di polvere cometaria.

Tutte le squadre hanno avuto successo ed un paio di settimane fa sono arrivati i primi risultati.

Mancava, però all'appello la sonda indiana Mars Orbiter MOM, soprannominata Mangalyaan, entrata con in orbita marziana il 24 settembre.

MOM aveva già condiviso diverse immagini con i suoi fan ("MARTE VISTO CON GLI OCCHI DI MOM: ECCO LE PRIME FOTO" - "DA MOM UNA VEDUTA GLOBALE DI MARTE" - "MOM CONDIVIDE LA SECONDA IMMAGINE GLOBALE DI MARTE, CON IL CRATERE GALE!" - "MOM RIPRENDE IL TRANSITO DI FOBOS") ma dal passaggio di Siding Spring, ci aveva lasciato sulle spine solo con un ultimo messaggio rilasciato il 20 ottobre:

"ISRO's Mars Orbiter Mission is in good health past the exit of comet #SidingSpring"

Tutti noi siamo stati sicuramente felici di sapere che era in ottima forma ma eravamo anche molto curiosi di vedere qualche foto.

Bene, MOM non ci ha deluso e quasi un mese più tardi ha condiviso sul canale di Facebook, la composizione in apertura.
La sequenza di immagini mostra la chioma della cometa ripresa con la piccola Mars Color Camera (MCC), durante gli ultimi 40 minuti della sessione di imaging, tra le 17.44 e le 18.25 UT del 19 ottobre, terminata due minuti prima del massimo avvicinamento (18:27 UT).
Al momento delle riprese, la cometa si trovava tra i 180.000 e i 130.000 chilometri circa da MOM.

Read 20740 times Ultima modifica Giovedì, 05 Marzo 2015 05:44
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 Agosto [updated on Aug,03].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 3/8/20 - Sol 598] - Meteo...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista