La Cina ha lanciato la missione Tianhui-6A e 6B dal Centro Lancio Satelliti di Taiyuan (TSLC) a bordo di un razzo Chang Zheng 4C (Lunga Marcia 4C) giovedì 9 marzo alle 22:41 UTC. I satelliti gemelli Tianhui-6 saranno utilizzati per la mappatura geografica, le indagini sulle risorse terrestri, gli esperimenti scientifici e altro ancora. Tianhui si traduce in "disegno del cielo" ed è una serie di satelliti cartografici non classificati gestiti dalla China Aerospace Science and Technology Corporation (CAST). Con la patch della missione raffigurante un delfino, si ipotizza che i satelliti potrebbero essere correlati alla sorveglianza e alla mappatura degli oceani. CAST DFHSat, una società subordinata di CAST, è elencata come produttore dei satelliti.

 I due satelliti sono stati lanciati su un'orbita di 888×880 km con un'inclinazione di 99 gradi. Successivamente è stato confermato che l'orario esatto del decollo era alle 22:41 UTC. Per questa missione è stato utilizzato il razzo Chang Zheng 4C. Il CZ-4C è dotato di tre stadi e può sollevare fino a 4.200 kg su un'orbita bassa terrestre (LEO) e 2.800 kg su un'orbita solare sincrona (SSO). Il suo motore del primo stadio è l'YF-21C, lo stesso motore utilizzato sui veicoli Chang Zheng 2, Chang Zheng 3 e Chang Zheng 4.

 Si è trattato del 33esimo tentativo di lancio orbitale globale del 2023, il 30esimo a concludersi con successo. Per la Cina si è trattato dell'ottavo volo orbitale.

 Tre giorni dopo, il 12 marzo 2023, alle ore 23:13 UTC, dal Cosmodromo di Baikonur, nel Kazakistan, decollava dalla rampa 200/39 il razzo vettore pesante Proton -M/Briz-M. A bordo del razzo un carico militare, come la maggior parte delle missioni svolte dalla Russia nell'ultimo anno, dopo l'invasione criminale dell'Ucraina. Il carico utile era il satellite Olymp-K-2, noto anche come Luch-5X. I satelliti Olymp-K sono satelliti geostazionari russi costruiti per il Ministero della Difesa e per l'agenzia di intelligence FSB ed adibiti ad uso militare e di intelligence russo.

 Secondo Roskosmos, il razzo Proton-M, dopo pochi secondi di ascesa verticale, il veicolo è stato programmato per dirigersi a est per allineare la sua traiettoria con un'orbita inclinata di circa 51,6 gradi verso l'Equatore. Il primo stadio del razzo si è separato a circa due minuti dall'inizio del volo e probabilmente è ricaduto nella regione di Karaganda in Kazakistan. Secondo le informazioni ufficiali rilasciate da TsENKI per le autorità locali della Repubblica di Khakassia, il secondo stadio del razzo e le due metà della carenatura del carico utile sarebbero cadute nella zona di lancio n. 326 situata nel distretto di Tashtypsky di Khakassia e anch'esse sovrapposte Repubbliche di Altai e Tuva.

 Il terzo stadio del razzo ha dovuto accelerare fino a una velocità quasi orbitale, assicurando il suo rientro nell'atmosfera sopra l'Oceano Pacifico, dopo la sua separazione dallo stadio superiore Briz-M circa nove minuti dopo l'inizio del volo. Circa un minuto dopo essersi separato dal terzo stadio, Briz-M ha eseguito il suo primo avviamento del motore per raggiungere un'orbita di parcheggio iniziale. Le successive manovre dello stadio superiore nelle sei ore successive hanno portato il satellite verso l'orbita geostazionaria a 36.000 chilometri sopra la superficie terrestre, dove dovrebbe operare. Come previsto, un serbatoio esterno vuoto proveniente dallo stadio superiore Briz-M, che normalmente veniva lanciato in un'orbita di trasferimento ellittica, è stato infatti tracciato da un radar della US Space Force in un'orbita di 381 per 35.715 chilometri con un'inclinazione di 48,7 gradi verso il Equatore. Diverse ore dopo il lancio, Roskosmos ha annunciato che il veicolo spaziale è stato consegnato con successo alla sua orbita pianificata.

russia protonm luch5 liftoff 12032023

Nell'immagine il decollo del razzo Proton-M/Briz M con il satellite militare Olymp-K2. Credito: Roscosmos

 Sebbene lo scopo dei satelliti Olymp non sia stato ufficialmente rivelato, si ritiene che i satelliti servano a due scopi. Il primo scopo è condurre l'intelligence dei segnali (SIGINT) e il secondo è fornire linee di comunicazione sicure per uso governativo. La designazione Luch, utilizzata anche per riferirsi alla Russian Satellite Data Relay Network (SDRN), allude ai satelliti utilizzati in un ruolo di trasmissione dati, con la designazione Olymp-K che si riferisce a un carico utile di intelligence dei segnali e la designazione Luch che si riferisce a un payload di inoltro dati. Un altro presunto carico utile a bordo è un sistema di comunicazione laser, che fornisce segnali di correzione della navigazione al sistema GLONASS.

 I satelliti Olymp-K sono costruiti sul bus Ekspress-1000 della ISS Reshnetnev e pesano circa 3.000 kg. Come tutti i payload russi classificati, il satellite probabilmente riceverà un designatore Kosmos dopo il lancio, simile al designatore americano USA. Si dice che il satellite sia stato lanciato nella posizione di 167 gradi est. Il precedente satellite Olymp, Olymp-K-1, è stato lanciato nel settembre 2014 da un Proton-M/Briz-M e si è spostato in una posizione a 18,1 gradi ovest sette mesi dopo il lancio. Questo ha posizionato il satellite direttamente tra i satelliti Intelsat 7 e Intelsat 901, che si trovano a mezzo grado l'uno dall'altro in orbita geostazionaria. Alla fine di settembre 2015, il satellite si è riposizionato a 24,4 gradi ovest, stabilendosi nuovamente vicino al satellite Intelsat 905, che si trovava a 24,5 gradi ovest. Queste manovre di riposizionamento hanno suscitato critiche da parte di Intelsat. Sempre nel 2018, Olymp-K-1 ha manovrato vicino al satellite francese Athena-Fidus, causando preoccupazioni per lo spionaggio.

 Il razzo Proton, formalmente designato UR-500, è un veicolo di lancio per carichi pesanti sacrificabile, inizialmente progettato come un "ICBM super pesante". A causa delle grandi dimensioni di Proton, non è mai stato schierato come ICBM ed è stato piuttosto trasformato in un veicolo di lancio spaziale, proposto come alternativa al razzo sovietico N1 per lanciare missioni con equipaggio sulla Luna. L'aspetto insolito del razzo Proton è dovuto al fatto che la maggior parte dei componenti del razzo russo viene trasportata su rotaia. Il primo stadio è costituito da un serbatoio ossidante centrale ed è circondato da sei serbatoi di carburante. Il primo stadio è alimentato da sei motori RD-275 collegati ai serbatoi del carburante, che producono una spinta massima di 10.740 kN. Nonostante assomiglino ai booster strap-on, i serbatoi non sono progettati per essere separati dal serbatoio centrale. Il secondo stadio è alimentato da tre motori RD-0210 insieme a un singolo motore RD-0211, producendo una spinta massima di 2.399 kN. Il secondo stadio è collegato al primo stadio con una struttura reticolare e "stadi caldi", un processo in cui i motori del secondo stadio si accendono poco prima di separarsi dal primo stadio.

russia protonm luch5x engine 12032023

Nella foto i 6 motori del primo stadio del Proton-M/Briz M durante il decollo. Credito: Roscosmos

 Il terzo stadio del razzo è alimentato da un RD-58M, che produce una spinta massima di 83,4 kN. La famiglia di motori RD-58 è stata utilizzata su più razzi, prima sul Blok D del razzo N1, e doveva essere utilizzata anche come motore di manovra orbitale sullo spazioplano Buran. Ogni stadio del razzo Proton è alimentato dalla combinazione tossica di dimetilidrazina asimmetrica (UDMH) e tetrossido di azoto (N2O4). Sia l'UDMH che l'N2O4 sono propellenti ipergolici che si accendono al contatto, eliminando la necessità di un sistema di accensione e possono essere conservati a temperatura ambiente per lunghi periodi.

 I razzi Proton possono anche volare con un quarto stadio opzionale, di cui esistono più varianti. Il precedente razzo Proton-K poteva volare con Blok D, DM, DM2 o DM-2M. Lo stadio superiore del Blok D è stato utilizzato per missioni interplanetarie, mancando di un modulo di guida basato sulla sonda per controllare il volo. Gli stadi superiori Blok DM, DM2 e DM-2M sono stati utilizzati per i voli verso orbite terrestri elevate e presentavano serbatoi di carburante toroidali, situati attorno al motore e dietro il serbatoio dell'ossidante.

 Il volo del 13 marzo è decollato dal Cosmodromo di Baikonur, nel Kazakistan. Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la Russia ha cercato di continuare i lanci da Baikonur e voleva firmare un contratto di locazione di 99 anni per il cosmodromo, ma alla fine ha firmato un contratto di locazione annuale da 115 milioni di dollari per 20 anni, con l'opzione per un estensione facoltativa del contratto di 10 anni. Nel giugno del 2005, il Consiglio della Federazione Russa ha ratificato un accordo tra Russia e Kazakistan, estendendo il contratto di locazione fino al 2050.

 Si è trattato del 34esimo tentativo di lancio orbitale globale del 2023, il 31esimo a concludersi con successo. Per la Russia si è trattato del quarto volo orbitale.