La prima di queste due missioni Starlink è decollata alle 16:32 locali (le 09:32:20 UTC) di giovedì 26 gennaio 2023 dalla rampa 40 della Cape Canaveral Space Force Station, in Florida. Una pioggia leggera si era spostata attraverso lo spazioporto nell'ora prima del decollo, ma le condizioni erano poi migliorate a sufficienza per consentire al Falcon 9 di decollare in tempo.

 Il razzo Falcon 9 ha superato la velocità del suono in circa un minuto, quindi ha spento i suoi nove motori principali Merlin 1D due minuti e mezzo dopo il decollo. Il primo stadio si è separato dallo stadio superiore del Falcon 9, quindi ha emesso impulsi dai propulsori di controllo a gas freddo e dalle alette a griglia in titanio estese per aiutare a riportare il veicolo nell'atmosfera. Due accensioni frenanti hanno rallentato il razzo per l'atterraggio sulla nave drone "Just Read the Instruction" a circa 660 chilometri al largo della costa della Florida circa nove minuti dopo il decollo. Il booster riutilizzabile, designato B1067 nell'inventario di SpaceX, ha completato giovedì il suo nono viaggio nello spazio.

 Le due semi-ogive protettive del carico utile riutilizzabile del Falcon 9 sono state sganciate in mare durante il funzionamento del secondo stadio. Una nave di SpaceX si trovava nell'Atlantico per recuperare le due metà del cono di prua dopo che erano scese in mare appese sotto i paracadute. L'atterraggio del primo stadio nella missione di giovedì è avvenuto proprio mentre il motore del secondo stadio del Falcon 9 si spegneva per portare in orbita i satelliti Starlink. La separazione dei 56 veicoli spaziali Starlink, costruiti da SpaceX a Redmond, Washington, dal razzo Falcon 9 è avvenuta 19 minuti dopo il decollo. Il team di terra di SpaceX ha atteso per confermare la pietra miliare del rilascio dei satelliti quando il razzo è passato nel raggio di una stazione di monitoraggio in Australia circa un'ora dopo il decollo.

 Il computer di guida del Falcon 9 mirava a rilasciare i satelliti su un'orbita ellittica con un'inclinazione di 43 gradi rispetto all'equatore, con un'altitudine compresa tra 212 per 337 chilometri. Dopo essersi separati dal razzo, i 56 Starlink dispiegheranno i pannelli solari e passeranno attraverso fasi di attivazione automatizzate, quindi utilizzereranno i motori a ioni per manovrare nella loro orbita operativa. I 56 satelliti si sono diretti verso un piano orbitale che fa parte della rete di rete Starlink di seconda generazione di SpaceX, chiamata Gen2. La missione, nota come Starlink 5-2, ha seguito il primo lancio di Starlink nella rete Gen2 il 28 dicembre, che ha portato 54 satelliti su un'orbita simile.

spacex f9 starlink5 2 liftoff 26012023

Nella foto il decollo del Falcon 9 per la missione Starlink Group 5-2 da Cape Canaveral. Credito: Stephen Clark / Spaceflight Now

 La SpaceX ha affermato che i 56 veicoli spaziali lanciati giovedì avevano un peso complessivo di circa 17,4 tonnellate, battendo il record per il carico utile più pesante che abbia mai volato su un razzo di SpaceX. Gli ingegneri dell'azienda hanno sperimentato le impostazioni di accelerazione del motore, l'efficienza del carburante e altri aggiornamenti minori per aumentare la capacità di sollevamento del Falcon 9. La SpaceX prevede di lanciare alla fine i satelliti Starlink di seconda generazione sul nuovo mega-razzo Starship dell'azienda. Questi satelliti saranno più grandi e più capaci dell'attuale flotta di veicoli spaziali Starlink di SpaceX e saranno in grado di trasmettere segnali direttamente ai telefoni cellulari. Ma con il razzo Starship ancora in fase di preparazione per il suo primo volo di prova orbitale, gli ingegneri di SpaceX avevano indicato che avrebbero iniziato a lanciare i satelliti Gen2 sui razzi Falcon 9.

 Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha suggerito ad agosto che la società potrebbe sviluppare una versione in miniatura dei satelliti Gen2 per adattarsi al razzo Falcon 9. I satelliti del primo lancio Gen2 del mese scorso sembravano simili, o identici, ai satelliti Starlink che SpaceX sta già lanciando per completare la sua rete di prima generazione, e non i più grandi satelliti Gen2 destinati a volare sul nuovo enorme razzo Starship, o anche i mini satelliti Gen2 menzionati da Musk l'anno scorso.

 La seconda missione Starlink è decollata cinque giorni dopo, il 31 gennaio, alle 8:15 locali (le 16:15 UTC) dallo Space Launch Complex 4 Est presso la Space Force Base di Vandenberg, in California, dopo un rinvio avvenuto il giorno precedente "per consentire più tempo per i checkout prima del lancio". La missione, conosciuta come Starlink Group 2-6, di Vandenberg ha utilizzato il primo stadio B1071, al settimo volo, che in precedenza ha supportato i lanci di due missioni per l'Ufficio nazionale di ricognizione degli Stati Uniti (NROL-87 e NROL-85), SARah-1 per Airbus, SWOT per NASA e CNES e altri due voli Starlink. Dopo il lancio di martedì, il primo stadio è atterrato sulla nave drone (ASDS) 'Of Course I Still Love You', di stanza a circa 647 km al largo nell'Oceano Pacifico. Inoltre era dispiegata anche la nave NRC Quest in grado di recuperare le due semi della carenatura protettiva per il riutilizzo.

 Il lancio dalla California ha visto il dispiegamento di 49 satelliti Starlink su un'orbita inclinata di 70 gradi rispetto all'equatore, ad un'altitudine finale di 570 km. L'orbita di parcheggio iniziale è di 327 km per 339 km, con il Falcon 9 che percorreva una traiettoria sud-sud-est. L'orbita finale di 570 km corrisponde al "secondo guscio" della costellazione Starlink: un eventuale raggruppamento di 720 veicoli spaziali distribuiti su 36 piani, con 20 veicoli spaziali per piano. Il lancio di martedì è stato solo il terzo a prendere di mira questo secondo guscio, poiché le missioni del Gruppo 2-2, 2-3 e 2-5 devono ancora essere lanciate. Il primo lancio sul guscio 2, Gruppo 2-1, è stato effettuato nel settembre 2021.

 Ma questa volta i satelliti Starlink non erano soli all'interno della carenatura per la missione del Gruppo 2-6. Un veicolo di trasferimento orbitale ION Satellite Carrier (SCV009 Eclectic Elena), sviluppato e gestito dalla società italiana D-Orbit, è servito come carico utile in condivisione sul volo di martedì.

italia d orbit ionscv009

Nella foto il dispenser ION SCV009 della compagnia italiana D-Orbit. Credito: Stephen Clark / Spaceflight Now

 La piattaforma ION Satellite Carrier dispone di un distributore personalizzabile in grado di ospitare una combinazione di CubeSat di varie dimensioni. Nel corso di una missione, il veicolo può rilasciare i suoi carichi utili individualmente, modificando i parametri orbitali tra un evento di rilascio e il successivo. Ciò aggiunge un livello di flessibilità per le missioni che non possono essere servite dai lanci standard condivisi. Il veicolo spaziale ION SCV009 di D-Orbit ospitava molteplici carichi utili, inclusa la dimostrazione di un nuovo anello di rilascio satellitare che potrebbe essere incorporato nei futuri veicoli di lancio e rimorchiatori spaziali. L'anello di rilascio del carico utile è stato sviluppato dalla Ensign-Bickford Aerospace & Defense Company (EBAD) con sede nel Connecticut, Stati Uniti.

 Il sistema di rilascio del carico utile era collegato, secondo D-Orbit, a un simulatore satellitare. La navicella spaziale ION SCV009 dell'azienda manovrerà su un'orbita inferiore dopo la separazione dal Falcon 9, consentendo all'esperimento di demo tecnologica di avvenire più vicino all'atmosfera terrestre. Il simulatore satellitare che verrà rilasciato dalla navicella D-Orbit dovrebbe bruciare nell'atmosfera entro quattro-otto settimane, ha affermato la società, riducendo il rischio di creare nuova spazzatura spaziale.

 Il rimorchiatore spaziale D-Orbit, soprannominato "Eclectic Elena", ospitava anche un computer di bordo sviluppato da un team di ricercatori e studenti dell'istituto tecnologico svizzero EPFL di Losanna. Gli ingegneri testeranno le prestazioni del computer nell'ambiente dello spazio prima che il progetto venga utilizzato in future piccole missioni satellitari, inclusa la missione CHESS dell'EPFL, una coppia di CubeSat che raccoglieranno misurazioni nell'atmosfera superiore.

 Un altro carico utile sul veicolo di trasferimento D-Orbit era una vela da traino sviluppata da una società tedesca chiamata HPS. La sottile membrana dell'aerofreno si dispiegherà fino a una dimensione di 5 metri quadrati per accelerare il rientro del veicolo spaziale al termine della sua missione. La missione condivisa di D-Orbit trasportava anche resti umani cremati in un'opportunità di volo spaziale commemorativo organizzata da una società neozelandese chiamata StardustMe.

 Quello dalla California è stato il lancio n.200 di un Falcon 9 dal 2010, con una percentuale di successo del razzo di SpaceX pari al 99%. Si è trattato del quindicesimo e sedicesimo volo orbitale globale del 2023, il nono e decimo per gli Stati Uniti.