Scritto: Mercoledì, 21 Settembre 2022 10:24 Ultima modifica: Mercoledì, 21 Settembre 2022 16:42

La quinta volta è quella buona


Un razzo Falcon 9 per una missione di dispiegamento di satelliti Starlink è decollato lunedì mattina al quinto tentativo dal complesso di lancio 40, presso la base militare di Cape Canaveral, in Florida.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto la scia di fiamme dei nove motori Merlin 1D del razzo Falcon 9 di SpaceX per la missione Starlink Group 4-34.
Nella foto la scia di fiamme dei nove motori Merlin 1D del razzo Falcon 9 di SpaceX per la missione Starlink Group 4-34.
Credito: SpaceX.

 Un razzo Falcon 9 Block 5 di SpaceX che trasportava 54 satelliti Starlink è stato finalmente lanciato alle 20:18 locali di domenica 18 settembre (le 00:18 UTC del 19 settembre) dopo i tentativi di lancio di martedì, mercoledì, giovedì e venerdì. Anche un'opportunità di lancio al sabato era stata annullata. I rinvii erano stati tutti forzati dalle condizioni meteo avverse presso la costa della Florida, ma la capacità del Falcon 9, e dei tecnici di SpaceX, di poter eseguire ben cinque tentativi consecutivi, avevano alla fine avuto la meglio sul tempo.

 Questa missione è decollata dallo Space Launch Complex 40 (SLC-40) presso la Cape Canaveral Space Force Station in Florida. Il booster che ha supportato la missione Starlink Group 4-34 è il B1067, che aveva già volato in cinque missioni precedenti. B1067 ha debuttato nella missione CRS-22 e ha continuato a lanciare i voli Crew-3, Turksat-5B, Crew-4 e CRS-25.

 Per inizializzare la sequenza di lancio automatizzata a T-38 minuti, il Launch Director di SpaceX ha dato il via al caricamento del propellente. A T-35 minuti, il cherosene RP-1 super-raffreddato ha iniziato a fluire sia nel primo che nel secondo stadio e anche il primo stadio ha iniziato a essere caricato con ossigeno liquido (LOX). A T-20 minuti, il caricamento dell'RP-1 nel secondo stadio si è completato e si poteva vedere un grande sfiato dal Transport Erector (T/E). Questo serve per eliminare le linee di RP-1 del T/E in preparazione per la fase successiva di rifornimento del secondo stadio: ai minuti T-16, LOX ha iniziato a essere caricato nel secondo stadio. Una volta completato il caricamento LOX, RP-1 sul primo stadio e LOX su entrambi gli stadi sono stati completati fino a T-90 secondi.

 La tappa successiva della sequenza di lancio si è verificata ai minuti T-7, a quel punto il primo stadio del Falcon 9 ha iniziato a raffreddare i motori: il booster fa fluire una piccola quantità di LOX attraverso la sezione dell'ossigeno di ciascuna pompa turbo M1D, impedendo al propellente di accendersi in un gas all'avvio del motore, che potrebbe danneggiare gravemente il motore stesso. Successivamente, al minuto T-1, il computer di volo legge sul conto alla rovescia quello che viene chiamato "avvio" e inizia i controlli finali di pre-lancio. Allo stesso tempo, i serbatoi del propellente si pressurizzano per adattarsi alle pressioni richieste durante il volo. Una volta completato, si è sentita la comunicazione di "serbatoi in pressione per il volo".

 Successivamente, il direttore del lancio ha verificato il "go" finale per il lancio a T-45 secondi. Quindi, a T-3 secondi, il sistema di controllo del motore ha inviato il comando per l'accensione dei nove motori Merlin 1D del primo stadio. Entro T-0,02 secondi, i motori e il veicolo funzionavano in modo indipendente ed erano pronti per il volo, e il veicolo ha comandato ai morsetti di lancio idraulici di sbloccarsi a T0, consentendo al veicolo di decollare.

spacex f9 starlink 4 34 liftoff 19092022

Nella foto il decollo del razzo Falcon 9 di SpaceX per la missione Starlink Group 4-34, ripreso da un'insolita posizione, dal mare. Credito: SpaceX.

 Dopo il decollo, il veicolo ha incontrato Max-Q - il momento di massima pressione aerodinamica - a T+1 minuto e 12 secondi. I motori Merlin 1D del primo stadio sono rimasti accesi fino a T+2 minuti e 27 secondi, a quel punto si sono verificati una serie di eventi in rapida successione. Innanzitutto, tutti e nove i motori M1D si sono spenti, seguiti poco dopo dalla separazione dello stadio. Il secondo stadio ha quindi acceso il suo unico motore M1D Vacuum.

 Le carenature, che proteggono i carichi utili dai detriti e dal riscaldamento atmosferico durante la salita, si separano dal veicolo a T+3:13. Entrambe le metà dell'ogiva protettiva utilizzano propulsori RCS e paracadute per rientrare nell'atmosfera e scendere dolcemente nell'Oceano Atlantico. Le metà della carenatura saranno recuperate dalla nave di recupero di SpaceX addetta allo scopo e dal nome 'Doug'. Anche dopo la separazione, il primo stadio ha dispiegato le sue quattro alette a griglia ed ha eseguito una serie di manovre del propulsore per orientarsi correttamente per il rientro nell'atmosfera terrestre. A T+7:07, si è tenuta l'accensione di rientro del primo stadio che ha continuato per i successivi 31 secondi. Il primo stadio è quindi tornato verso la Terra, continuando a utilizzare le sue alette della griglia per orientarsi per un atterraggio sul bersaglio.

 A T + 8:26, il primo stadio ha avviato una terza accensione per rallentare in vista dell'atterraggio morbido sulla nave drone autonoma (ASDS) di SpaceX 'Just Read the Instructions' (JRTI) posizionata al largo della costa della Carolina del Nord.

spacex f9 starlink 4 34 trail 19092022

Nella foto, a lunga esposizione, la traiettoria del razzo Falcon 9 di SpaceX per la missione Starlink Group 4-34. Credito: SpaceX.

 Una volta che il secondo stadio ha raggiunto l'orbita di parcheggio desiderata, si è verificato il Second Engine Cut Off (SECO) e lo stadio si ha proseguito brevemente per inerzia in preparazione al dispiegamento del carico utile. Il secondo stadio ha iniziato quindi a ruotare sul proprio asse x, prima di dispiegare i quattro tiranti a T+15 minuti e 21 secondi. A causa della rotazione dello stadio, i 54 satelliti Starlink hanno quantità variabili di momento angolare, che causa così la separazione una volta rilasciate le barre di tensione.

 I satelliti Starlink trascorreranno ora i prossimi mesi elevando la loro orbita verso il guscio n.4: un'orbita circolare di 540 km con un'inclinazione di 53,2 gradi. SpaceX ha almeno altre due missioni a settembre, inclusa almeno un'altra missione Starlink e la missione Transport and Tracking Layer (TTL) Tranche 0 Flight 1 per la Space Development Agency (SDA). Con la missione Starlink 4-34, SpaceX ha ora lanciato 3.347 satelliti Starlink, inclusi prototipi e unità di prova non più in servizio. Il lancio di sabato è stata la 61esima missione SpaceX dedicata principalmente al trasporto in orbita dei satelliti Starlink per Internet.

Si è trattato del 118esimo lancio orbitale globale del 2022, il 114esimo a concludersi con successo ed il 60esimo per gli Stati Uniti.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1052 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 21 Settembre 2022 16:42

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB