Scritto: Domenica, 04 Settembre 2022 16:25 Ultima modifica: Domenica, 04 Settembre 2022 19:20

Sulla ISS le Crew Dragon fino al 2030 e nuova missione Axiom


La NASA e la SpaceX hanno finalizzato l'estensione del contratto di voli commerciali per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) fino al 2030, arrivando fino alla missione Crew-14. Intanto la NASA ha anche dato l'autorizzazione per la seconda missione privata di Axiom al complesso orbitale.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto una Crew Dragon mentre si avvicina alla ISS.
Nella foto una Crew Dragon mentre si avvicina alla ISS.
Credito: NASA

 La NASA ha annunciato il 31 agosto di aver esteso il suo contratto di voli commerciali con equipaggio con SpaceX, aggiungendo cinque missioni per un valore di oltre 1,4 miliardi di dollari. L'assegnazione delle cinque missioni, designate da Crew-10 a Crew-14, è arrivata dopo che la NASA aveva annunciato i suoi piani in un avviso di appalto il 1 giugno scorso per aggiungere le missioni al contratto CCtCap (Commercial Crew Transportation Capabilities) di SpaceX.

 L'estensione ha un valore di 1,44 miliardi di dollari, pari a 288 milioni di dollari per missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Questo accordo arriva dopo un'estensione a febbraio che aveva aggiunto altri tre voli, da Crew-7 a Crew-9, al contratto originario, per un valore di 776 milioni di dollari pari a 258,7 milioni per volo. A questo punto il valore totale del contratto CCtCap di SpaceX, assegnato nel 2014 per completare lo sviluppo e il test di Crew Dragon seguito da sei missioni operative, è ora pari a 4,93 miliardi di dollari.

 La NASA ha dichiarato che l'estensione del contratto "consente alla NASA di mantenere una capacità ininterrotta degli Stati Uniti per l'accesso umano alla stazione spaziale fino al 2030". Ciò deriva dalla combinazione del contratto CCtCap esteso di SpaceX con il contratto CCtCap di Boeing per i sei voli del suo veicolo per equipaggio commerciale CST-100 Starliner. I funzionari della NASA hanno precedentemente affermato che, una volta che Starliner sarà certificato per il trasporto di astronauti della NASA, si alterneranno le missioni Starliner e Crew Dragon sulla ISS. Ciò inizierebbe con la prima missione operativa Starliner, ora prevista per l'autunno del 2023, supponendo che un volo di prova con equipaggio di Starliner, ora programmato per non prima di febbraio 2023, sia un pieno successo.

 La prossima missione commerciale NASA con equipaggio di SpaceX, la Crew-5, era stata programmata per l'inizio di settembre, ma è stata ritardata a luglio quando il booster Falcon 9 che lancerà la missione era stato danneggiato durante il trasporto dalla California al Texas per i test. Quella missione, che trasporterà gli astronauti della NASA Nicole Mann e Josh Cassada, l'astronauta giapponese della JAXA Koichi Wakata e la cosmonauta russa di Roscosmos Anna Kikina, è ora prevista per il lancio il 3 ottobre prossimo.

 Nel frattempo, sempre il 31 agosto, la NASA ha anche completato l'accordo per la seconda missione di astronauti privati alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) con la Axiom Space, la sola compagnia ad aver richiesto questa opportunità. La NASA ha firmato un "ordine di missione" con Axiom Space per Ax-2 che porterà quattro astronauti privati alla stazione su una navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX per un soggiorno di 10 giorni.

axiom ax2 peggy whitson test

Nella foto l'ex-astronauta veterana della NASA, Peggy Whitson, mentre si addestra a bordo della Crew Dragon. Credito: Peggy Whitson

 La NASA aveva annunciato a dicembre di aver selezionato Axiom per la seconda opportunità di missione di astronauti privati (PAM), nel periodo previsto tra l'autunno del 2022 e la primavera del 2023, e avrebbe avviato trattative con la compagnia sull'ordine formale di missione. Axiom ha effettuato il primo PAM di questo tipo, Ax-1, nell'aprile di quest'anno.

 Axiom deve ancora rivelare l'intero equipaggio di Ax-2. La società ha affermato l'anno scorso che la missione sarebbe stata comandata dall'ex astronauta della NASA Peggy Whitson, un dipendente di Axiom, con un cliente, John Shoffner, che servirà da pilota. Axiom non ha annunciato chi saranno gli altri due clienti che voleranno in missione. Un nuovo requisito richiesto da NASA è che la missione sia comandata da un ex astronauta. "A seguito della revisione e dell'approvazione della NASA e dei suoi partner internazionali, verranno nominati i membri dell'equipaggio principale per la missione," ha affermato l'agenzia, con l'inizio dell'addestramento per l'intero equipaggio in autunno.

 La NASA ha annunciato il suo supporto per due missioni private di astronauti sulla ISS all'anno nel 2019 come parte di una più ampia strategia di commercializzazione dell'orbita bassa terrestre che include il supporto per le stazioni spaziali commerciali destinate a succedere alla ISS. Ha sollecitato proposte a metà del 2021 per la seconda e la terza missione PAM dopo aver originariamente selezionato Axiom per il primo PAM, Ax-1. "Con ogni nuovo passo avanti, stiamo lavorando insieme alle società spaziali commerciali e facendo crescere l'economia in orbita bassa terrestre," ha affermato Phil McAlister, direttore dello spazio commerciale presso la sede della NASA. "Oltre ad ampliare l'accesso all'orbita per più persone, speriamo anche che queste missioni private di astronauti aiuteranno l'industria ad apprendere e sviluppare le competenze per condurre tali missioni". Per PAM 2, l'opportunità assegnata dalla NASA ad Axiom Space, il documento rivela che Axiom è stata l'unica azienda a presentare una proposta.

 La missione Ax-2 sarà la prima a utilizzare una politica dei prezzi aggiornata per le missioni di astronauti privati, in cui la NASA addebiterà 4,8 milioni di dollari per volo per l'integrazione e i servizi di base e 5,2 milioni di dollari per volo per il tempo dell'equipaggio della ISS. Ci sono costi aggiuntivi per persona e al giorno per cibo e altre provviste dell'equipaggio, il trasporto di quegli articoli alla stazione e lo smaltimento dei rifiuti dalla stazione che variano in base ai requisiti della missione. Ci sono anche addebiti per il carico e il tempo dell'equipaggio per "attività commerciali specifiche per missioni di astronauti privati".

am walter villadei photo

Nella foto l'astronauta italiano Walter Villadei. Credito: AMI

 Ricordiamo infine che, all'inizio di quest'anno, la Axiom aveva annunciato che il colonnello Walter Villadei, dell'Aeronautica Militare Italiana (ItAF), era stato prescelto come primo astronauta professionista internazionale della compagnia. Villadei aveva completato un addestramento in Russia e attualmente si sta allenando a Houston; è stato selezionato da Axiom come supporto per la missione Ax-2 ed è stato firmato un accordo iniziale per una prenotazione su una missione destinata verso la fine del 2023.

 Walter Villadei, ufficiale dell’Aeronautica Militare e ingegnere aerospaziale, ha iniziato la sua carriera operativa presso la 46esima AeroBrigata di Pisa, assegnato alla manutenzione dei velivoli da trasporto. Successivamente è stato selezionato come astronauta AMI, sebbene non avesse superato la selezione dell’ESA, e in seguito è diventato cosmonauta per l’Aeronautica Militare dopo aver completato la formazione in Russia presso Roskosmos, senza essere a oggi mai riuscito a trovare un posto su una Sojuz. Venuta a mancare l’opportunità offerta da Virgin Galactic, ha ora una nuova possibilità di esaudire il sogno di volare nello spazio.

Letto: 676 volta/e Ultima modifica Domenica, 04 Settembre 2022 19:20

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Due EVA sono meglio di una Non solo Starlink »
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 gennaio

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 gennaio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB