Scritto: Mercoledì, 03 Febbraio 2021 21:34 Ultima modifica: Giovedì, 04 Febbraio 2021 05:09

Inspiration4, nello spazio per beneficenza


Un ricco imprenditore ha acquistato un'intera missione a bordo di una Crew Dragon per se ed altre tre persone. Il progetto, Inspiration4 è un misto di beneficenza e commercio e partirà prima del volo di Axiom Space.

Rate this item
(0 votes)
Nella foto Jared Isaacman all'interno di una Crew Dragon. Nella foto Jared Isaacman all'interno di una Crew Dragon. Credit: SpaceX

La SpaceX ha annunciato, a sorpresa il primo febbraio, che Jared Isaacman, fondatore e capo esecutivo della società di elaborazione dei pagamenti online Shift4 Payments, ha acquistato un'intera missione orbitale con una capsula Crew Dragon, il cui lancio è previsto entro il 2021. Isaacman sarà una delle quattro persone a volare sulla navicella spaziale, che trascorrerà da due a quattro giorni in orbita bassa terrestre ma non attraccherà con la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Isaacman ha chiamato la missione "Inspiration4" e sta lavorando sia con la sua stessa azienda che con il St. Jude Children’s Research Hospital per identificare le altre tre persone che lo accompagneranno nel primo volo spaziale orbitale 'interamente civile'. "I tre membri dell'equipaggio che stiamo selezionando provengono da percorsi di vita quotidiana, tra cui un operatore sanitario in prima linea che si impegna ad aiutare i bambini a combattere il cancro, qualcuno che visita il sito web della nostra missione e fa una donazione e un imprenditore stimolante che crea un'impresa," Ha detto Isaacman in una teleconferenza con i giornalisti tenuta assieme a Elon Musk, fondatore di SpaceX, parlando della missione. "Fra trenta giorni da oggi i tre prescelti si prepareranno per provare la tuta spaziale." I tre pilastri su cui si fonda la missione sono: speranza, generosità e prosperità. Secondo Isaacman le tre persone rappresenteranno, ognuna, uno di questi tre pilastri. Una delle tre persone sarà un operatore sanitario dell'ospedale St. Jude che, apparentemente, è già stato selezionato. "So che non vede l'ora del lancio quanto me," ha detto Isaacman di quell'individuo, di cui però non ha fatto il nome. La seconda persona sarà selezionata da quella che è effettivamente una lotteria. La gente farà delle donazioni sul sito Inspiration4, e questi soldi andranno al St. Jude. L'ospedale pediatrico St. Jude, specializzato per la cura dei tumori nei bambini, si trova a Menphis, in Tennessee, ma ha altre otto cliniche affiliate sparse negli stati del sud degli Stati Uniti.

spacex inspiration4 stjude hospital 02022021

Nella foto il St. Jude Children’s Research Hospital. Credit: St.Jude

 

Isaacman ha detto che si aspetta che il concorso potrà raccogliere almeno 100 milioni di dollari, oltre ai 100 milioni che lui sta donando direttamente all'ospedale. La terza persona sarà selezionata da un concorso affiliato a Shift4 Payments. I partecipanti possono avviare un negozio online utilizzando la piattaforma dell'azienda e inviare un video da sottoporre a revisione da parte di una 'giuria di celebrità', con il vincitore che si unirà all'equipaggio della missione. I vincitori inizieranno poi, assieme a Isaacman, quello che definisce un "piano di addestramento piuttosto ampio" per prepararsi al volo e per conoscersi molto prima di trascorrere diversi giorni in una piccola capsula. "Mi assicurerò di introdurre alcune situazioni molto scomode e stressanti qui sulla Terra molto prima che saliamo nello spazio," ha precisato Isaacman. "Ho intenzione di portare quattro persone in una tenda che, posso assicurare, è assolutamente più piccola della navicella Dragon, su una montagna piena di neve e presentare a tutti alcune situazioni davvero stressanti".

Né lui né l'amministratore delegato di SpaceX, Elon Musk, hanno parlato molto dei requisiti medici per i partecipanti. "Ho già seguito il processo di screening medico di SpaceX e posso dirvi che l'atteggiamento è su come portare qualcuno nello spazio e non su come lo alleni," ha detto Isaacman. "Se puoi fare un giro sulle montagne russe, dovresti comunque andare bene per Dragon," ha confermato Musk. Le regole ufficiali della competizione richiederanno che i partecipanti abbiano almeno 18 anni, non siano più alti di 1 metro e 98, non pesino più di 113,4 chilogrammi e siano "fisicamente e psicologicamente idonei per l'addestramento e il volo spaziale". Le regole limitano anche la partecipazione a "persone degli Stati Uniti” come definito dal Regolamento sul traffico internazionale di armi, che include cittadini e residenti permanenti. Sebbene Musk, però, sembra pensare che anche gli altri possano volare. "Non è escluso che qualcuno che non è un cittadino statunitense possa volare," ha risposto quando gli è stato chiesto di questa limitazione. Isaacman non ha rivelato quanto pagherà per il volo o le altre spese associate al progetto, come l'annuncio che andrà in onda durante il Super Bowl il 7 febbraio. "Quello che ci proponiamo è di raggiungere l'obiettivo di raccogliere fondi a fin di bene per circa 200 milioni di dollari. Sicuramente la cifra raccolta supererà di gran lunga il costo della missione stessa". Il costo di un posto a bordo di una Crew Dragon non è mai stato rivelato dalla SpaceX, ma secondo voci si aggirerebbero sui 55 milioni di dollari l'uno. Musk ha detto che missioni commerciali come questa contribuiranno allo sviluppo del veicolo Starship di SpaceX. SpaceX ha accordi per altre missioni commerciali di Crew Dragon sia con Axiom Space che con Space Adventures. La prima missione di Axiom Space, la Ax-1 che verrà però lanciata non prima di gennaio 2022. "Dobbiamo finanziare il programma Starship in qualche modo, e questa missione aiuterà a finanziare il programma Starship," ha confermato Musk.

spacex crew dragon resilience inspiration4 patch

Nella foto la Crew Dragon 'Resilience' che verrà utilizzata per la missione Inspiration4 ed il logo della missione. Credit: SpaceX/Inspiration4

La missione Inspiration4 utilizzerà la navicella spaziale Crew Dragon chiamata "Resilience" (matricola C207) che è attualmente ancorata alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per la missione Crew-1 della NASA. Prima di Inspiration4 la capsula Resilience eseguirà anche il volo della missione Crew-3 della NASA diretta alla ISS, attualmente prevista per settembre 2021. "Naturalmente, coordineremo questo con la NASA," ha confermato Musk. "La NASA è stata molto generosa ed è di supporto."

La NASA ha offerto il suo supporto in un tweet. "Sono entusiasta di vedere uno degli obiettivi originali del Commercial Crew Program arrivare ad espandere le nuove attività commerciali oltre la nostra nell'orbita bassa terrestre," ha detto Kathy Lueders, amministratore associato della NASA per l'esplorazione umana e le operazioni ed ex manager del programma commerciale equipaggi, in riferimento all'annuncio di Inspiration4.

Il 37enne Isaacman, un pilota con licenza di jet con oltre 6.000 ore di volo, ha detto che il volo è la realizzazione di un sogno che risale alla sua infanzia. "Ricordo in realtà - una storia molto vera - di aver detto alla mia maestra d'asilo che un giorno sarei andato nello spazio," ha ricordato. Anche Musk stesso è interessato ad andare nello spazio. "Un giorno sarò su un volo, ma non in questo."

A differenza della missione Axiom, annunciata la scorsa settimana, che andrà ad attraccare alla stazione spaziale, il volo Inspiration4 rimarrà da solo in orbita terrestre e senza un astronauta professionista ad accompagnare i quattro prescelti. Il lancio invece avverrà, come solito, dalla rampa 39A del Kennedy Space Center per mezzo di un razzo vettore Falcon 9, sempre di SpaceX. Il rientro eseguirà un ammaraggio nell'Oceano Atlantico, vicino a Cape Canaveral, in Florida.

Letto: 147 volta/e Ultima modifica Giovedì, 04 Febbraio 2021 05:09

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update:&nbs...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 Aprile [updated on 04/1...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista