Scritto: Domenica, 02 Agosto 2020 20:05 Ultima modifica: Lunedì, 03 Agosto 2020 05:42

La missione DM-2 si avvia alla conclusione


Mancano ormai poche ore allo storico ammaraggio della capsula Crew Dragon di SpaceX per la Demo Mission-2. Gli astronauti hanno lasciato la ISS ieri e fra poco rientreranno sulla Terra. Aggiornamenti in alto sulla pagina, in ordine cronologico.

Rate this item
(0 votes)
Nell'immagine Behnken ed Hurley pronti al rientro, mentre ricevono il GO dal controllo missione di SpaceX. Nell'immagine Behnken ed Hurley pronti al rientro, mentre ricevono il GO dal controllo missione di SpaceX. Credit: NASA/SpaceX

Questo segna un grande successo per la SpaceX e per la NASA che ha creduto in questa nuova compagnia che, in pochi anni, ha rivoluzionato il volo spaziale.

AGGIORNAMENTO 22:11 – Ed ecco anche il Comandante Dough Hurley fuori dalla capsula. Ora i due astronauti, dopo un breve controllo medico verranno imbarcati sull'elicottero della SpaceX per essere trasferiti a Pensacola dove li attende un aereo NASA per Houston, Texas, presso il Johnson Space Center. Si conclude così la missione Demo-2 della SpaceX, che ha riportato la capacità di volo spaziale abitato agli Stati Uniti dopo ben nove anni dal termine delle missioni Space Shuttle, nel 2011. Ora, se tutti i controlli dello stato della capsula saranno positivi si potrà procedere per la prima missione regolare, la USCV-1, prevista a settembre con quattro astronauti. La DM-2 era iniziata lo scorso 30 maggio e si è conclusa dopo 64 giorni. 

Schermata 2020 08 02 alle 22.07.17

AGGIORNAMENTO 22: 07 – Finalmente, risolto il problema con i gas nocivi, ecco per primo l'astronauta Robert Behnken, un'ora dopo l'ammaraggio, fuori dalla capsula Endeavour e sul ponte della GO Navigator! Ben tornati sulla Terra.

Schermata 2020 08 02 alle 22.07.20

AGGIORNAMENTO 21: 45 – Sono trascorsi diversi minuti durante i quali è stata rilevata la presenza di residui di gas nocivi attorno alla capsula e le apposite squadre, dotate di protezioni, hanno proceduto a spurgare i serbatoi.  Gli astronauti sono al sicuro, la misurazione di idrazina è stata rilevata soltanto all'esterno della capsula. E' stato comunque chiesto ai due astronauti di eseguire una misurazione, risultata negativa, anche all'interno della Crew Dragon.

Schermata 2020 08 02 alle 21.45.04

 AGGIORNAMENTO 21: 17 – Ed ecco che la Endeavour è sul ponte della GO Navigator. Ora non resta che aprire il portello e far uscire i due astronauti.

Schermata 2020 08 02 alle 21.18.13

AGGIORNAMENTO 21:13 – Ecco la vista dal ponte della GO Navigator, pronti per issare la capsula a bordo.

Schermata 2020 08 02 alle 21.12.45

 AGGIORNAMENTO 21:06 – La GO Navigator è sempre più vicina alla capsula Crew Dragon Endeavour. Fra poco le operazioni di issaggio sul ponte. Ben visibili le bruciature della fase di rientro. Da notare le, troppe, barche di curiosi attorno all'area di recupero.

Schermata 2020 08 02 alle 21.07.45

AGGIORNAMENTO 20:55 – Le due barche veloci con le squadre di appoggio sono arrivate nei pressi della capsula che galleggia tranquillamente nel mare calmo del Golfo del Messico, di fronte alle coste di Pensacola, Florida. Questa immagine è ripresa dall'aereo WB-57 della NASA che ha seguito l'apertura dei paracadute. Le squadre di appoggio si occupano anche di controllare che non vi siano perdite dei pericolosi carburanti ipergolici dei razzi di manovra.

Schermata 2020 08 02 alle 20.55.47

AGGIORNAMENTO 20:48 – Splashdown! Crew Dragon Endeavour è rientrata sul pianeta Terra! Gli astronauti Robert Behnken e Douglas Hurley sono ora in attesa che le due barche veloci li raggiungano per metterli in sicurezza. L'uscita dalla capsula avverrà soltanto quando questa sarà stata ripescata dall'acqua ed issata sul ponte della GO Navigator.

Schermata 2020 08 02 alle 20.48.17

AGGIORNAMENTO 20:45 – Apertura dei paracadute di frenata, seguiti dai quattro principali.

Schermata 2020 08 02 alle 20.45.33

AGGIORNAMENTO 20:41 – I due astronauti hanno risposto immediatamente alla chiamata del centro controllo. La fase di silenzio radio è terminata e quindi la fase più delicata del rientro è stata superata con successo. Ora si attende l'apertura dei paracadute.

AGGIORNAMENTO 20:35 – Iniziata la fase di silenzio radio della durata di sei minuti. In questo periodo i gas incandescenti attorno alla capsula, causati dall'attrito con l'atmosfera, impediscono le comunicazioni con l'equipaggio. Fino a questo momento tutto si è svolto come previsto. Nella sala controllo della SpaceX di Hawthorne, California, è presente sia Elon Musk che la Presidente di SpaceX, Gwynne Shotwell.

AGGIORNAMENTO 19:56 – Accesi i quattro razzi di manovra che si trovano sul muso di Endeavour per rallentare la corsa della capsula. L'accensione dei quattro razzi ha la durata di 12 minuti. A questo punto niente può impedire alla Crew Dragon di fermare la sua corsa verso l'atmosfera terrestre. Fino ad ora tutte le operazioni si sono svolte regolarmente secondo la precisa tabella di marcia.

AGGIORNAMENTO 19:51 – E' stato confermato il distacco del 'trunk' dalla capsula Crew Dragon. Per il rilascio del trunk è stata prima aperta una speciale pinza chiamata claw (un'apposito apparato che trasferisce dati, energia, controllo termico e sistemi avionici dal trunk alla capsula). Ora lo scudo termico della capsula è stato esposto allo spazio per la prima volta.

SpaceX Crew Dragon Parts 1024x576 2

Nell'illustrazione la capsula ed il trunk, con il claw di collegamento. Credit: SpaceX

 AGGIORNAMENTO 19:10 – Prime immagini da bordo della capsula Crew Dragon Endeavour in fase di rientro verso la Terra. Robert Behnken e Douglas Hurley hanno indossato le tute spaziali mentre la capsula sta eseguendo l'ultima parte dell'orbita che la porterà ad incontrare i primi strati dell'atmosfera. La prossima fase delicata del rientro sarà il distacco del 'trunk', il modulo di servizio della capsula che lascerà così scoperto lo scudo termico.

 -

Dopo aver lasciato ieri la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) la capsula Crew Dragon 'Endeavour' di SpaceX con a bordo gli astronauti Robert Behnken e Douglas Hurley ha eseguito le ultime manovre prima del rientro sulla Terra. L'ammaraggio è previsto al largo di Pensacola, Florida, nel Golfo del Messico. Questo sito di rientro è stato deciso ieri dopo che l'uragano Isaias stava minacciando la costa orientale della Florida, quella dove si trovavano tre delle sette zone scelte per l'ammaraggio. Pensacola è il sito di 'splashdown' più lontano dall'uragano e le condizioni di vento e mare sono ideali per l'operazione di recupero.

landingzones

Nell'immagine i vari siti di rientro per la capsula. Credit: NASA/SpaceX

Si tratterà del primo ammaraggio di una capsula spaziale americana fin da quella della missione Apollo-Soyuz svoltasi nel 1975. Questa volta, a differenza degli ammaraggi degli anni '60 e '70 del secolo scorso, dove veniva impiegata una flotta della marina USA composta addirittura da una portaerei, solo una imbarcazione della SpaceX si occuperò del recupero degli astronauti. Si tratta della nave 'Go Navigator' che, in queste ore si trova nei pressi del sito di Pensacola. La 'Go Navigator' è un'imbarcazione varata nel 2010 come vascello per il rifornimento delle piattaforme petrolifere nel Golfo del Messico. Ha una stazza di 500 tonnellate, lunga circa 50 metri e larga 10, dispone di un ponte di volo per elicotteri. Dopo l'acquisto da parte di SpaceX, nel 2018, è stata trasformata per essere utilizzata come nave di recupero delle missioni Crew Dragon con equipaggio. La nave è stata utilizzata anche per il recupero in mare delle semi-ogive dei razzi Falcon 9. Inoltre, sono stati eseguiti diversi test di recupero prima della missione di oggi, compreso quello della capsula della DM-1, quella senza equipaggio svoltasi nel 2019.

GO Searcher helipad tests Oct 2018 NASA 2 crop

Nella foto la Go Navigator che assisterà l'ammaraggio della DM-2. Credit: Teslarati

Dopo la partenza dalla ISS, mentre l'equipaggio dormiva, la capsula ha eseguito l'ultima manovra per porsi nell'orbita che la porterà all'incontro con l'atmosfera sopra il Golfo del Messico. L'equipaggio di Endeavour è stato svegliato verso le ore 15 italiane per iniziare tutta la serie di procedure in preparazione al rientro. Alle 19 italiane il centro di controllo della SpaceX ad Hawthorne, in California, ha stato dato il 'GO' per il rientro.

Alle 19:51 italiane verrà separato il trunk, il modulo dotato dei pannelli solari. Alle 19:54 verrà eseguita la Deorbit burn, ovvero l'accensione finale per l'uscita dall'orbita. Alle 20:36 si avrà la Entry Interface, ovvero la capsula toccherà i primi strati dell'atmosfera. Alle 20:44 l'apertura dei paracadute di frenata, seguiti, un minuto dopo da quelli principali. L'ammaraggio è previsto per le 20:48.

Pochi minuti dopo due motoscafi veloci, partiti dalla GO Navigator, si avvicineranno alla capsula in galleggiamento e la metteranno in sicurezza. Poi la capsula verrà issata a bordo del vascello prima di aprire il portello e far uscire i due astronauti.

 

Fonti:
NASA: https://blogs.nasa.gov/spacestation/2020/08/02/astronauts-wake-up-prep-crew-dragon-for-splashdown-today/
SpaceX: https://www.spacex.com/launches/
SpaceflightNOW: https://spaceflightnow.com/2020/08/01/crew-dragon-demo-2-return-mission-status-center/
Teslarati: https://www.teslarati.com/spacex-set-for-historic-crew-dragon-astronaut-mission-with-splashdown-from-space/

Altre informazioni su questo articolo

Read 266 times Ultima modifica Lunedì, 03 Agosto 2020 05:42
Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 Settembre [updated on S...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/9 - Sol 648] - Meteoro...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista