Scritto: Domenica, 31 Maggio 2020 02:27 Ultima modifica: Domenica, 31 Maggio 2020 05:38

30 maggio 2020: la SpaceX entra nella Storia!


Con il meteo finalmente clemente, la SpaceX ha lanciato, per NASA, il suo primo veicolo abitato. La Crew Dragon della missione DM-2 è decollata per entrare nella Storia dell'astronautica.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto lo storico decollo della missione abitata DM-2 di SpaceX. Nella foto lo storico decollo della missione abitata DM-2 di SpaceX. Credit: NASA

Dopo 9 anni la NASA, grazie alla SpaceX, ritorna a far volare nello spazio i propri astronauti in orbita. La missione DM-2 è decollata regolarmente alle 15:22 (le 21:22 italiane) dalla rampa 39A del Kennedy Space Center della NASA, in Florida. La capsula Crew Dragon per la missione DM-2 (o Demo-2), ribattezzata 'Endeavour' dagli astronauti NASA Robert Behnken, e Douglas Hurley ed è stata immessa in orbita da un razzo Falcon 9. L'equipaggio si era imbarcato a bordo circa un'ora e mezzo prima del lancio. A T-45 minuti il Direttore di Lancio ha dato il via al rifornimento del razzo e, poco dopo, è stato armato il sistema di fuga e retratta la passerella. L'imbarco del kerosene e dell'ossigeno liquido del primo stadio è partito a T-35 minut, mentre quello del secondo a T-16 minuti. Il 'go' finale per il decollo è stato dato a T-45 secondi. A T-3 secondi i nove motori Merlin-1D che spingono il primo stadio hanno iniziato la sequenza di accensione e raggiunto la piena potenza in circa due secondi. Infine il decollo è avvenuto e, il razzo, dopo aver lasciato la rampa e virato ha assunto l'inclinazione necessaria verso nordest, allineandosi con l'orbita della stazione spaziale. Il razzo ha superato il Max-Q, l'area di maggiore stress aerodinamico a T+58 secondi. A t+22 minuti e 33 secondi il primo stadio si è spento e separato. Da qui il primo e secondo stadio hanno preso vie separate, con il primo che ritornava verso la Terra mentre il secondo continuava verso l'orbita con Bob e Doug. Il secondo stadio si avviava poco dopo la separazione, iniziando un'accensione di 6 minuti e 3 secondi del suo singolo motore Merlin Vacuum, ottimizzato per il vuoto. Il primo stadio del razzo, seriale B1058, è poi atterrato regolarmente sulla chiatta 'Of Course I Still Love You', posizionata al largo della costa della Florida. Il Crew Dragon è rimasto attaccato al secondo stadio fino a T+12 minuti. Poco dopo la separazione il veicolo spaziale ha aperto il suo muso ed iniziato la configurazione per le prime operazioni orbitali. Quello di oggi si è trattato del secondo tentativo di lancio perché il primo, eseguito mercoledì scorso era stato interrotto a T-17 minuti per violazioni delle condizioni meteo necessarie per un lancio in sicurezza.

"Oggi inizia una nuova era nel volo spaziale umano mentre lanciamo ancora una volta astronauti americani su razzi americani dal suolo americano diretti alla Stazione Spaziale Internazionale, il nostro laboratorio nazionale in orbita attorno alla Terra," ha dichiarato l'amministratore della NASA Jim Bridenstine. “Ringrazio e mi congratulo con Bob Behnken, Doug Hurley e i team di SpaceX e NASA per questo importante risultato per gli Stati Uniti. Il lancio di questo sistema spaziale commerciale progettato per gli esseri umani è una dimostrazione fenomenale dell'eccellenza americana ed è un passo importante nel nostro percorso per espandere l'esplorazione umana sulla Luna e su Marte."

La missione DM-2 è un volo di prova completo per convalidare il sistema di trasporto equipaggio di SpaceX, comprese le operazioni di lancio, il volo in orbita, l'attracco e l'atterraggio. Questo è il secondo test del Crew Dragon di SpaceX e il suo primo test con gli astronauti a bordo. Questa missione aprirà la strada alla certificazione della capsula per i voli regolari dell'equipaggio verso la stazione come parte del programma dell'equipaggio commerciale della NASA.

dm2 elon esulta copy

Nella foto, Elon Musk esulta con sullo sfondo il Vice-Presidente Pence, presente al KSC per il lancio. Credit: @johnkrausphotos

"Questo è un sogno diventato realtà per me e per tutti in SpaceX," ha affermato Elon Musk, ingegnere capo di SpaceX. "È il culmine di un'incredibile quantità di lavoro da parte del team SpaceX, della NASA e di numerosi altri partner in il processo per far sì che ciò accada. Puoi vedere questo come i risultati di centomila persone all'incirca quando sommi tutti i fornitori e tutti coloro che lavorano incredibilmente duramente per far sì che questo giorno accada.

Il programma dimostra l'impegno della NASA a investire in società commerciali attraverso partenariati pubblico-privati e si basa sul successo di aziende americane, tra cui SpaceX, che già consegnano merci alla stazione spaziale.

"È difficile esprimere a parole quanto sono orgoglioso delle persone che ci hanno portato oggi fin qui," ha dichiarato Kathy Lueders, responsabile del programma di equipaggio commerciale della NASA. “Quando penso a tutte le sfide superate - dalla progettazione e test, alle revisioni cartacee, al lavoro da casa durante una pandemia e al bilanciamento delle esigenze familiari con questa missione critica - sono semplicemente stupita di ciò che i team NASA e SpaceX hanno realizzato insieme . Questo è solo l'inizio; starò a guardare con grande aspettativa mentre Bob e Doug si preparano ad attraccare alla stazione spaziale domani, e attraverso ogni fase di questa storica missione.

SpaceX ha controllato il lancio del razzo Falcon 9 dal Launch Control Center Firing Room 4 del Kennedy, l'ex sala di controllo dello Space Shuttle, che SpaceX ha noleggiato come principale centro di controllo per il lancio. Mentre Crew Dragon saliva nello spazio, SpaceX comandava l'astronave dal suo centro di controllo della missione a Hawthorne, in California. I team della NASA stanno monitorando le operazioni della stazione spaziale durante il volo dal Mission Control Center presso il Johnson Space Center dell'agenzia a Houston.

dm2 iss encounter diagram copy

Nell'immagine le varie manovre che la Crew Dragon eseguirà prima dell'attracco alla ISS. Credit: NASA/SPACEX

 

La navicella spaziale SpaceX Crew Dragon è programmata per attraccare alla stazione spaziale alle 10:29 di domenica 31 maggio (le 16:29 italiane). La televisione della NASA e il sito web dell'agenzia stanno fornendo una copertura in tempo reale del viaggio del Crew Dragon al laboratorio in orbita. Behnken e Hurley lavoreranno con il controllo missione di SpaceX per verificare che l'astronave stia funzionando come previsto testando il sistema di controllo ambientale, i display e il sistema di controllo e manovrando i propulsori, tra le altre cose. La prima manovra di avvicinamento è iniziata già alle 22:09 italiane, quando è stato eseguito un primo 'phase burn' mentre l'astronave inizierà il suo incontro ravvicinato alla stazione intorno alle 14:27 di domenica 31 maggio. La Crew Dragon è progettato per attraccare autonomamente, ma gli equipaggi a bordo l'astronave e la stazione spaziale monitoreranno diligentemente le prestazioni dell'astronave mentre si avvicina e si aggancia alla porta anteriore del modulo Harmony della stazione.

Dopo aver attraccato con successo, l'equipaggio verrà accolto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), dove diventerà membro dell'equipaggio di Spedizione 63, che attualmente include l'astronauta della NASA Chris Cassidy ed i suoi colleghi russi Anatolij Ivanišin e Ivan Vagner. La NASA continuerà la copertura in diretta attraverso l'apertura del portello e la cerimonia di benvenuto dell'equipaggio. L'equipaggio eseguirà test su Crew Dragon oltre a condurre ricerche e altri compiti con l'equipaggio della stazione spaziale.

I tre astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale parteciperanno a una conferenza stampa in diretta della troupe televisiva della NASA in orbita lunedì 1 giugno, a partire dalle 11:15 sulla NASA TV e sul sito web dell'agenzia.

Ma adesso conosciamo meglio chi sono i primi due astronauti a volare su un veicolo spaziale della SpaceX.

dm2 doug bob

Nella foto, Hurley, a sinistra, e Behnken, i due astronauti di DM-2. Credit: NASA

Robert Behnken è il comandante delle operazioni congiunte per la missione, responsabile di attività come l'avvicinamento, l'attracco e lo sganciamento, nonché le attività Demo-2 mentre l'astronave è ancorata alla stazione spaziale. È stato selezionato come astronauta della NASA nel 2000 e ha completato due voli di navetta spaziale. Behnken ha pilotato la STS-123 nel marzo 2008 e la STS-130 nel febbraio 2010, eseguendo tre passeggiate nello spazio durante ogni missione. Nato a St. Anne, nel Missouri, ha conseguito la laurea in fisica e ingegneria meccanica presso la Washington University di St. Louis e ha conseguito un master e un dottorato in ingegneria meccanica presso il California Institute of Technology di Pasadena. Prima di entrare a far parte della NASA, era un ingegnere di test di volo presso la US Air Force.

Hurley è il comandante del veicolo spaziale per Demo-2, responsabile di attività come il lancio, l'atterraggio e il recupero. È stato selezionato come astronauta nel 2000 e ha completato due voli spaziali. Hurley è stato pilota e principale operatore di robotica sia per la STS‐127 nel luglio 2009 sia per la STS‐135, l'ultima missione dello Space Shuttle, nel luglio 2011. Nativo di New York è nato a Endicott ma considera Apalachin la sua città natale. Ha conseguito una laurea in ingegneria civile presso la Tulane University di New Orleans e si è laureato presso la US Naval Test Pilot School a Patuxent River, nel Maryland. Prima di unirsi alla NASA, era un pilota da combattimento e collaudatore nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

La missione Demo-2 è l'ultimo importante test prima che il Programma di Equipaggio Commerciale della NASA certifichi Crew Dragon per missioni operative e di lunga durata sulla stazione spaziale. Come test di volo finale di SpaceX, convaliderà tutti gli aspetti del suo sistema di trasporto dell'equipaggio, inclusi il veicolo spaziale Crew Dragon, le tute spaziali, il veicolo di lancio Falcon 9, la piattaforma di lancio 39A e le capacità operative.

dm2 doug bob first call copy

Nell'immagine, Hurley e Behnken durante il primo collegamento in diretta dalla Crew Dragon in orbita. Credit: NASA/TV

Durante il viaggio verso la stazione, Behnken e Hurley assumeranno il controllo di Crew Dragon per due test di volo manuali, dimostrando la loro capacità di controllare il veicolo spaziale in caso di problemi con il volo automatico del veicolo spaziale. Sabato 30 maggio, mentre la navicella spaziale sta costeggiando, l'equipaggio proverà rollio, beccheggio e imbardata. Quando Crew Dragon si troverà a circa 1 chilometro sotto la stazione e si sposterà attorno all'asse di attracco, l'equipaggio effettuerà dimostrazioni manuali in orbita del sistema di controllo nel caso fosse necessario. Dopo la pausa, riprenderà l'appuntamento e i responsabili della missione prenderanno una decisione finale sull'opportunità di attraccare quando Crew Dragon si troverà a 20 metri.

Per le missioni operative, Crew Dragon sarà in grado di lanciare fino a quattro membri dell'equipaggio alla volta e trasportare più di 100 kg di carico, consentendo, a bordo della stazione spaziale, un numero maggiore di membri dell'equipaggio e aumentando così il tempo dedicato alla ricerca nell'unico ambiente di microgravità, oltre a riportare più scienza sulla Terra.

Il Crew Dragon utilizzato per questo test di volo può rimanere in orbita per circa 110 giorni e la durata specifica della missione sarà determinata, una volta sulla stazione, in base alla prontezza del prossimo lancio dell'equipaggio commerciale. Il veicolo spaziale operativo Crew Dragon (missione USCV-1) che sarà in grado di rimanere in orbita per almeno 210 giorni come requisito della NASA.

Al termine della missione, Behnken e Hurley ri-saliranno a bordo di Crew Dragon, che si sgancerà autonomamente, lascerà la stazione spaziale e rientrerà nell'atmosfera terrestre. Dopo l'ammaraggio al largo della costa atlantica della Florida, l'equipaggio verrà prelevato dalla nave di recupero di SpaceX e riportato al molo di Cape Canaveral.

dm2 patch

Nell'immagine l'emblema della missione DM-2 della Crew Dragon. Credit: NASA/SPACEX

Il programma voli commerciali per equipaggio della NASA sta lavorando assieme a SpaceX e Boeing per progettare, costruire, testare e far funzionare sistemi di trasporto umano sicuri, affidabili ed economici verso l'orbita terrestre bassa. Entrambe le compagnie si concentrano su missioni di prova, comprese le dimostrazioni sul sistema di salvataggio e le prove di volo dell'equipaggio, prima di effettuare regolarmente missioni di equipaggio verso la stazione spaziale. I voli con equipaggio di entrambe le compagnie saranno le prime volte nella storia che la NASA ha inviato gli astronauti nello spazio su sistemi di proprietà, costruiti, testati e gestiti da compagnie private.

Insomma un vero e proprio cambio di prospettiva di cui la NASA deve ringraziare il Presidente Barack Obama, sotto la cui amministrazione, nel 2010, il programma commerciale ha avuto inizio.

Per la SpaceX, ed il suo creatore Elon Musk, un momento veramente cruciale per gli obiettivi di questa azienda.

 

Fonti:
NASA: https://www.nasa.gov/press-release/nasa-astronauts-launch-from-america-in-historic-test-flight-of-spacex-crew-dragon
NASASpaceflight: https://www.nasaspaceflight.com/2020/05/spacex-dragon-in-historic-first/

Altre informazioni su questo articolo

Read 2077 times Ultima modifica Domenica, 31 Maggio 2020 05:38
Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/8/20 - Sol 607] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista