Scritto: Sabato, 08 Febbraio 2020 06:27 Ultima modifica: Sabato, 08 Febbraio 2020 15:32

Solar Orbiter pronto al lancio: la missione NASA / ESA che studierà i poli del Sole


La missione ESA / NASA dedicata allo studio della nostra stella dovrebbe iniziare tra poche ore. Il lancio, da poco posticipato a lunedì 10 febbraio 5:03 ora italiana, avverrà da Cape Canaveral con il vettore United Launch Alliance Atlas V.

Rate this item
(1 Vote)
Solar Orbiter pronto al lancio: la missione NASA / ESA che studierà i poli del Sole Crediti NASA/ESA

La sonda, con una massa di 1.800 chilogrammi, viaggerà fuori dal piano dell'ecclittica: con una serie di gravity assist attorno alla Terra e a Venere, aumenterà la sua inclinazione fino a quando non avrà una vista prospettica a volo d'uccello sui poli del Sole.
Come i poli Nord e Sud della Terra, i poli del Sole sono regioni estreme molto diverse dal resto della stella e la missione cercherà di approfondire alcune tematiche su cui abbiamo ancora molto da imparare: il vento solare ed il campo magnetico della corona, i getti di massa coronale e gli eventi improvvisi che possono investire il nostro pianeta, le eruzioni solari e le particelle ad alta energia, il campo magnetico della stella. In molti pensano di poter trovare ai poli indizi sull'intensità del prossimo ciclo solare, che arriva all'incirca ogni 11 anni, mentre il Sole oscilla tra stagioni di alta a bassa attività.

Nei prossimi anni, Solar Orbiter viaggerà fino a 42 milioni di chilometri dal Sole e salirà tra i 24 (missione nominale) ed i 34 gradi (missione estesa) sopra l'ecclittica per avere una visuale sia del polo nord che del polo sul della stella.

Solar Orbiter traiettoria

Lo scudo termico renderà possibile questo viaggio straordinario durante il quale la sonda si avvicinerà molto al Sole raggiungendo temperature di 500 gradi Celsius ma si allontanerà anche nel freddo dello spazio dove le temperature arriveranno a circa -185 gradi Celsius. 
Si tratta di un sandwich da 145 chilogrammi, 3 x 2,5 metri circa, spesso 38 centimetri, che utilizza una nuova tecnologia protettiva chiamata SolarBlack, sviluppata da Airbus e dall'azienda irlandese Enbio. Lo strato frontale, costituito da 20 fogli sottili di lamina di titanio, riflette fortemente il calore. Una base in alluminio a nido d'ape, ricoperta da più fogli di materiale isolante, forma lo strato più vicino al veicolo spaziale e fa da supporto. Le staffe in titanio a forma di stella tengono gli strati al loro posto e lontano di qualche decina di centimetri dalla sonda per disperdere meglio le alte temperature. Cinque aperture consentono a cinque strumenti di telerilevamento di fare il loro lavoro. E' ricoperto da un sottile strato nero di fosfato di calcio, una polvere simile al carbone ed ai pigmenti che venivano usati nelle pitture rupestri migliaia di anni fa. "È divertente che qualcosa di tecnologicamente avanzato come questo sia in realtà molto vecchio", ha commentato Anne Pacros, payload manager presso l'ESA.

Di contro, i radiatori posti sui lati del veicolo spaziale, serviranno a dissipare nello spazio il calore prodotti dalla strumentazione.

Solar Orbiter scudo termico

Crediti: Airbus Defence and Space

Come in ogni missione, però, oltre alla tecnologia, sarà il team dei navigator farà la differenza: il controllo rigoroso della posizione e dell'inclinazione del Solar Orditer e il pronto puntamento dello scudo termico in direzione del Sole, saranno fondamentali per proteggere la tecnologia a bordo.

Tra i 10 strumenti scientifici, il coronografo Metis è un progetto a firma prevalentemente italiana, finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana tramite l’Inaf, progettato da ricercatori di vari osservatori e atenei italiani e prodotto da un consorzio di industrie nazionali guidato da Ohb Italia e Thales Alenia Space. E' progettato per ottenere immagini della corona solare, simultaneamente sia nel campo visibile che ultravioletto ed il ricercatore principale è Marco Romoli all'Università di Firenze

Solar Orbiter strumenti

Altre informazioni su questo articolo

Read 200 times Ultima modifica Sabato, 08 Febbraio 2020 15:32
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 31/3/20 - Sol 476] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS