Scritto: Sabato, 21 Dicembre 2019 03:11 Ultima modifica: Sabato, 21 Dicembre 2019 03:48

La capsula di Boeing fallisce il volo verso la ISS


La nuova capsula abitata CST-100 Starliner, della Boeing, ha fallito oggi la missione di prova senza equipaggio, che aveva come obiettivo quello di raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale ISS.

Rate this item
(0 votes)
Il momento del decollo della missione OTF della capsula CST-100 Starliner di Boeing. Il momento del decollo della missione OTF della capsula CST-100 Starliner di Boeing. Credit: NASA

 Il 20 dicembre 2019, alle 06:36 a.m. EST (le 12:36 italiane) un razzo vettore Atlas 5, della United Launch Alliance, è decollato dalla rampa 41 di Cape Canaveral, in Florida. Sulla sommità del razzo, per la prima volta, la nuova capsula riutilizzabile CST-100 Starliner della Boeing nel suo volo inaugurale chiamato OFT (Orbital Test Flight). L'obiettivo della missione, senza equipaggio a bordo, era quello di arrivare ad attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale ISS in modo automatico, testando, per la prima volta, tutti i sistemi del nuovo veicolo spaziale USA.

 Dopo un perfetto lancio da parte del razzo Atlas 5, qui con una versione del secondo stadio Centaur mai utilizzata finora e dotata di due motori, la capsula è stata rilasciata nello spazio a T+12 minuti dal decollo.

 A T+31 minuti dal lancio la Starliner avrebbe quindi dovuto accendere i propri motori, posti nel modulo di servizio, per inserirsi nell'orbita che l'avrebbe portata al rendez-vous con la ISS. Infatti, i primi due stadi di Atlas 5, per rispettare la richiesta NASA di non superare i 3g di accelerazione al lancio per non stressare gli astronauti, non sono sufficienti per inserire lo Starliner in orbita. Al momento del rilascio della capsula dal secondo stadio la traiettoria è suborbitale, e servono quindi i quattro motori orbitali posti nel modulo di servizio (che hanno anche lo scopo di motori per l'aborto in volo in caso di problemi con il lanciatore) per raggiungere un'orbita stabile. L'accensione dei motori è prevista con una durata di circa 40 secondi e permette di inserire la capsula su un'orbita stabile. In caso contrario la capsula è destinata a ricadere verso l'atmosfera terrestre precipitando nell'Oceano Pacifico, ad est dell'Australia.

 starliner diagrams

II componenti principali della capsula CST-100 Starliner di Boeing. Credit: Boeing

 Invece, per una mancata sincronizzazione fra l'orologio MET (Mission Elapsed Time) di bordo con quello di Terra, l'accensione Orbit Insertion Maneuver prevista non è avvenuta. I tecnici della Boeing si sono resi conto del problema ed hanno tentato di inviare il segnale manuale alla capsula ma, proprio in quel momento, il collegamento diretto non era coperto dai satelliti TDRSS della NASA. A quel punto raggiungere l'orbita per arrivare alla ISS non era più possibile senza consumare tutto il propellente rimasto e quindi i responsabili Boeing e NASA hanno deciso di annullare l'arrivo alla stazione. Dopo aver eseguito un'accensione dei motori per stabilizzare l'orbita, è stato deciso che la capsula verrà fatta rientrare al primo momento disponibile per l'atterraggio nel deserto di White Sands, nel New Mexico. L'atterraggio è previsto per domenica alle 13:00 italiane.

 Poche ore dopo il lancio la NASA e la Boeing hanno fatto una conferenza stampa congiunta dove hanno spiegato l'accaduto ed evidenziato il fulcro del problema. Una più approfondita indagine sulle cause potrà essere iniziata una volta che i tecnici potranno mettere le mani sulla capsula. Ora il MET di bordo è sincronizzato e tutti i sistemi della capsula sono perfettamente funzionanti. Se l'obiettivo principale di OFT era quello di arrivare alla ISS, ne sono rimasti comunque molti altri secondari che le 48 ore nello spazio permetteranno di completare, compreso l'atterraggio, inusuale per gli USA, sul terreno con i paracadute e con l'aiuto di airbag.

cst100 orbit 879x485

La capsula CST-100 in configurazione orbitale, in un'illustrazione artistica. Credit: Boeing

 Questo problema rende ora più difficile che il primo volo con equipaggio della CST-100 Starliner si svolga nei primi mesi del 2020, come previsto. Durante la conferenza stampa i responsabili hanno accennato che, forse, non è poi così necessario un nuovo OFT senza equipaggio ed hanno fatto intendere che, per accelerare i tempi, potrebbero procedere senza di esso.

 In fondo anche il primo volo orbitale dello Space Shuttle, STS-1 nel 1981, venne svolto con l'equipaggio a bordo.

 Al momento solo la Crew Dragon della SpaceX ha eseguito con successo, lo scorso aprile, un volo orbitale con attracco automatico alla ISS. Però, purtroppo, la stessa capsula, rientrata regolarmente alcuni giorni dopo, era esplosa inaspettatamente al suolo durante un test per i motori di aborto. Il problema era stato individuato da SpaceX e corretto ma, inevitabilmente, aveva costretto a rinviare il primo lancio con equipaggio, ora previsto nei primi mesi del 2020.

 Entrambi i fornitori del servizio commerciale con equipaggio per la NASA, Boeing e SpaceX, sono anni in ritardo con l'inizio dei voli, per problemi dovuti a varie cause, ultime anche quelle con i paracadute, che però ora paiono superate.

 La NASA, dalla fine dei voli Space Shuttle, nel luglio 2011, si affida alle capsule Sojuz russe, pagando i sedili per far arrivare i propri astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale ISS, e questo è poco lusinghiero per la prima potenza spaziale del mondo.

cst100 starliner landing sequence

Nell'illustrazione le varie fasi dell'atterraggio della capsula CST-100 Starliner della Boeing Credit: Boeing

 

Fonti:

NASA: https://www.nasa.gov/press-release/nasa-statement-on-boeing-orbital-flight-test

SpaceflightNow: https://spaceflightnow.com/2019/12/20/boeing-crew-capsule-falters-after-launch-from-cape-canaveral/

NASASpaceflight: https://www.nasaspaceflight.com/2019/12/starliner-mission-shortening-failure-successful-launch/

Altre informazioni su questo articolo

Read 608 times Ultima modifica Sabato, 21 Dicembre 2019 03:48
Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

5 commenti

  • Comment Link Massimo Martini Mercoledì, 25 Dicembre 2019 00:05 posted by Massimo Martini

    Grazie Paolo, tanti sinceri Auguri di Buone Feste anche te. Spero che riusciamo ad affrontare argomenti e notizie utili ed interessanti.

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Martedì, 24 Dicembre 2019 20:58 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Grazie Paolo, ricambio gli auguri e continua a seguirci!

  • Comment Link Paolo Secchi Martedì, 24 Dicembre 2019 18:43 posted by Paolo Secchi

    Desidero porgere a Massimo Martini gli auguri da un suo collaboratore e amico, di trascorrere un sereno S Natale e relative festività. Era da molto tempo che non seguivo sue notizie e articoli di astronautica
    Naturalmente estendo gli auguri ai componenti della Alive Universe che conosco per nome e ai quali faccio le mie congratulazioni per le notizie riportate sul sito.
    Grazie e vi seguirò ancora.
    Paolo

  • Comment Link Massimo Martini Sabato, 21 Dicembre 2019 23:36 posted by Massimo Martini

    Al momento le uniche compagnie che stanno realizzando veicoli spaziali abitati per la NASA destinati a raggiungere la ISS, sono la Boeing con lo Starliner e la SpaceX con il Crew Dragon. La Orbital ATK (ora acquisita dalla Northrop Grumman e diventata Northrop Grumman Innovation Systems - NGIS) realizza il veicolo cargo automatico Cygnus che porta rifornimenti alla ISS. La Sierra Nevada Corp. aveva proposto la mini-navetta Dream Chaser con equipaggio ma non era stata selezionata dalla NASA nel 2014. Dal 2021 una versione cargo automatica del Dream Chaser porterà rifornimenti alla ISS, ma sempre sotto contratto NASA. L’ESA, dal canto suo, dopo aver sviluppato il veicolo cargo automatico ATV, che ha volato con successo per cinque volte verso la ISS dal 2008 al 2014, non ha, al momento nessun programma né di veicolo abitato o cargo.

  • Comment Link Ominetti Lanfranco Sabato, 21 Dicembre 2019 13:27 posted by Ominetti Lanfranco

    Mi piacerebbe sapere se oltre alla Space X che ha realizzato la Crew Dragon e la Boeing con la Starliner ci sono altre società che stanno realizzando veicoli spaziali per la Nasa... anni fa ero a conoscenza che anche la Orbital ATK e la Sierra Nevada Corporation lavoravano a progetti del genere ...e poi... che fine ha fatto quel famoso progetto del Dreem Cheser che avrebbe dovuto rifonire la ISS credo per l'ESA...grazie anticipatamente per una eventuale risposta!

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 Agosto [updated on Aug,03].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 3/8/20 - Sol 598] - Meteo...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista