Scritto: Sabato, 31 Agosto 2019 18:35 Ultima modifica: Venerdì, 06 Settembre 2019 14:18

Parker al terzo Perielio


La sonda NASA sta effettuando in queste ore un nuovo passaggio nella corona esterna, è l'ultimo perielio di questa prima serie orbite e stavolta le osservazioni dureranno più a lungo.

Rate this item
(0 votes)
Parker al terzo Perielio Credit: NASA/JPL/SSD/Horizon - NASA/Naval Research Laboratory/Parker Solar Probe - Plot and processing: Marco Di Lorenzo

 Il massimo avvicinamento è avvenuto stasera, alle 19:51:10 (ora italiana) a una distanza di 0.165896054632 au = 24817696.530 km dal centro del Sole, il che corrisponde a circa 24122200 km circa sopra la fotosfera. A meno di qualche centinaio di km, questa distanza è uguale a quelle dei due precedenti passaggi al perielio e questo era prevedibile dato che, dopo il "gravity assist" con Venere, negli ultimi 11 mesi la sonda non ha avuto altri spintoni gravitazionali né ha effettuato correzioni di rotta. Anche la velocità al perielio è quasi la stessa: 94.88675 km/s (285 m/s meno del secondo perielo e 67 m/s meno del primo). Tuttavia, le cose cambieranno presto perché, a fine anno (il giorno di Santo Stefano), ci sarà un nuovo incontro ravvicinato con Venere e l'orbita di Parker Solar Probe cambierà nettamente: il periodo di rivoluzione si accorcerà da 149,8 a 130 giorni e, soprattutto, la distanza al perielio passerà da 24,8 a 19,4 milioni di km. Altri cinque gravity assist venusiani (in media uno all'anno) serviranno a restringere ulteriormente l'orbita fino a meno di 7 milioni di km (10 raggi solari) dal centro della stella nel 2025; si tratta del 40% della distanza raggiunta in queste prime orbite.

 L'immagine in apertura mostra, a sinistra, le orbite compiute (in blu) e quelle da compiere (in verde) proiettate sul piano dell'eclittica; il Sole è il pallino rosso (in scala) e l'unità di misura è l'unità astronomica; le informazioni per realizzare il grafico, come anche le altre informazioni riportate nel testo, sono basate sulle effemeridi fornite dal sito ssd del JPL.  A destra, invece, un getto coronale ripreso da Parker durante il precedente perielio, lo scorso 8 Novembre; all'epoca la sonda si trovava a 27 milioni di km dalla superficie del Sole e l'oggetto luminoso è Mercurio (che appare anche replicato in negativo a causa della correzione sulla luminosità dello sfondo per sottrazione.

 La novità del passaggio al perielio attualmente in corso è che, forte dei successi nei passaggi precedenti, il team a Terra ha acceso i cinque strumenti di bordo prima e li farà lavorare per oltre il triplo del tempo, 35 giorni invece di 11. In termini di distanza dal Sole, questo significa iniziare le osservazioni a 0,45 unità astronomiche invece che a 0,25; per capirci, Parker osserverà il Sole fino a 67 milioni di km da esso, quasi la distanza di Mercurio all'afelio. Si spera così di seguire meglio l'evoluzione del vento solare a queste distanze. 

La NASA ha fatto sapere che i dati relativi ai primi due passaggi al perielio saranno resi pubblici entro quest'anno.


http://parkersolarprobe.jhuapl.edu/News-Center/Show-Article.php?articleID=126

Altre informazioni su questo articolo

Read 621 times Ultima modifica Venerdì, 06 Settembre 2019 14:18
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

 Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/9 - Sol 645] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista