Ieri, alle 23 ora italiana, la Orbital Sciences Corporation ha lanciato il razzo Antares per il primo volo di test, dalla pattaforma Pad-0A del Mid-Atlantic Regional Spaceport (MARS) del Centro NASA Wallops Flight Facility di Wallops Island, Virginia.

La missione fa parte del programma Commercial Orbital Transportation Services (COTS) della NASA, che coinvolge le industrie private nel settore aerospaziale ed aveva visto l'assegnazione di due contratti per i rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale alle due compagnie private, la Orbital Sciences Corporation (Orbital) e la Space Exploration Technologies (SpaceX).

L'Antares è il razzo vettore in fase di test della Orbital, mentre la capsula Cygnus, è ancora in fase di realizzazione.

Per questo primo volo, il razzo ha portato in orbita una massa equivalente al veicolo spaziale Cygnus, simulando un vero e proprio lancio.

"Il test, avvenuto con successo oggi, segna una pietra miliare significativa nel piano NASA per affidare a compagnie americane i lanci di rifornimento e i voli con equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, riportando quest'importante lavoro negli Stati Uniti, a cui appartiene", ha detto l'amministratore della NASA Charles Bolden.

"Congratulazioni all'Orbital Sciences e al team della NASA che ha lavorato a loro fianco per il lancio perfetto del razzo Antares. Oltre a fornire ulteriori prove che il nostro piano di esplorazione spaziale strategico si muove in avanti, questo test inaugura anche il nuovo spazioporto americano in grado di lanciare verso la Stazione Spaziale, aprendo nuove opportunità per gli utenti commerciali e governativi".

"Il presidente Obama ha presentato un bilancio per il prossimo anno che garantisce agli Stati Uniti di rimanere il leader mondiale nel settore dell'esplorazione spaziale e una parte fondamentale di questo bilancio, è il finanziamento necessario a far progredire l'iniziativa spaziale commerciale della NASA".

Questo primo volo apre la strada all'Orbital per una missione di rifornimento dimostrativa verso la Stazione Spaziale Internazionale entro fine anno.

Il lavoro dell'Orbital si affianca così al successo del 13 ottobre 2012 della SpaceX, che aveva inaugurato il programma COST con la prima missione operativa, SpaceX CRS-1, con il lancio verso la Stazione Spaziale Internazionale della capsula Dragon tramite vettore Falcon 9. Dopo 15 giorni, la missione si concluse con successo e la Dragon rientrò ammarando nell'Oceano Pacifico, segnando una svolta epocale e donando nuovamente agli Stati Uniti la capacità di effettuare voli nella bassa orbita terrestre da quando lo Space Shuttle è andato in pensione.

In base al programma COST, l'Orbital Sciences Corporation effettuerà otto missioni di rifornimento verso la Stazione Spaziale Internazionale a partire dal 2015.