Scritto: Giovedì, 15 Novembre 2012 06:00 Ultima modifica: Lunedì, 01 Aprile 2013 11:24

I Radiation Belt Storm Probes (RBSP) cambiano nome in onore di James Van Allen


Il campo magnetico terrestre ha da sempre catturato l'attenzione degli scienziati, rimanendo per molti anni qualcosa di misterioso.

Nel XX secolo i fisici hanno capito come misurarlo dalla superficie terrestre e sembrava come se al centro della Terra vi fosse un grande magnete. Tuttavia questi valori erano fluttuanti.

Rate this item
(0 votes)

Fasce di Van Allen

Credit: NASA/T. Benesch, J. Carns

Il campo magnetico terrestre ha da sempre catturato l'attenzione degli scienziati, rimanendo per molti anni qualcosa di misterioso.

Nel XX secolo i fisici hanno capito come misurarlo dalla superficie terrestre e sembrava come se al centro della Terra vi fosse un grande magnete. Tuttavia questi valori erano fluttuanti.

Nel 1930 i pionieri della fisica hanno ipotizzato che le variazioni fossero dovute ai flussi di particelle che rimangono intrappolate nel campo magnetico stesso.

Ma la vera svolta è iniziata quando abbiamo iniziato ad osservare il nostro campo magnetico dallo spazio.
Nel 1958 il primo razzo statunitense Explorer 1, seguito da James Van Allen dell'University of Iowa, ha fornito la prova di una banda di radiazione magnetica intrappolata vicino alla Terra.

Ora sappiamo che il nostro campo magnetico ha una forma complessa nel lato rivolto verso il Sole ed una coda allungata dal lato opposto e varia a seconda dell'influenza della nostra stella.

In un articolo pubblicato sulla rivista Scientific American del 1963, Van Allen dichiarò "le condizioni della magnetosfera sono così diverse e così variabili... che milioni di osservazioni, di decine di satelliti e sonde hanno appena iniziato a tracciare a grandi linee questa estensione delle Terra nello spazio".

Da allora si è iniziato a studiare la nostra magnetosfera e la ricerca va avanti ancora oggi.

Dal 2012 le osservazioni procederanno con l'ultima flotta di satelliti Radiation Belt Storm Probes lanciata il 30 agosto 2012.

Il 9 novembre la NASA ha annunciato che per onorare lo scienziato che ha contribuito a promuovere la ricerca in questo campo, ha deciso di rinominare le sonde in Van Allen Probes.
Il nuovo nome è stato assegnato proprio il giorno della fine della messa in servizio durata due mesi.  Le Van Allen Probes, ora, sono pronte ad iniziare la loro missione primaria e ad entrare nel vivo delle attività scientifiche.

"Siamo entusiasti di onorare James Van Allen in questo modo", dice David Sibeck, scienziato del NASA Goddard Space Flight Center a Greenbeltnel, nel Maryland, per questa missione "questa è una missione importante che svolge i primi lavori sulla magnetosfera"

Assumendo orbite tali che le porteranno ad attraversare completamente le fasce, l'obiettivo principale delle sonde è quello di capire cosa porta le fasce di Van Allen a gonfiarsi e a restringersi in risposta alla radiazione solare.

Gli strumenti sono stati studiati per rispondere principalmente a tre domande:

  1. da dove arriva l'energia supplementare e da dove arrivano le particelle?
  2. dove scompaiono e per quale motivo?
  3. in che modo questi cambiamenti influenzano il resto della magnetosfera?

I dati iniziali, registrati dalle sonde in questi primi due mesi hanno già superato le aspettative tanto da pensare già alle prime pubblicazioni scientifiche.

Read 3277 times Ultima modifica Lunedì, 01 Aprile 2013 11:24
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista