"I cianobatteri vivono in condizioni sulla Terra dove non ti aspetteresti di trovare la vita. Sono presenti ovunque sul nostro pianeta!", ha spiegato il capogruppo Robert P. Schröder al sito astrowatch.net.

Il progetto ora sta partecipando alla competizione Mars One University Competition e può essere votato alla pagina cyanoKnights.bio.
Se vincerà, il "pacchetto regalo" verrà consegnato al Pianeta Rosso con un lander senza equipaggio nel 2018.

I cianobatteri produrranno ossigeno attraverso la fotosintesi riducendo l'anidride carbonica e potranno fornire cibo e vitamine importanti per una sana alimentazione, si legge nella descrizione del progetto.
La squadra sta testando la loro attività all'interno di fotobioreattori in quarantena, per diverse condizioni ambientali (pressione atmosferica, temperatura, radiazioni, ...) per definire la soluzione migliore per Marte.

Cyanobacteria Spirulina

"Le idee iniziali erano di natura tecnica ma erano troppo noiose per me. A scuola mi piaceva la biotecnologia. Quando ho sentito parlare di cianobatteri e di come possono sopravvivere in condizioni difficili sulla Terra, ho avuto un flashback che mi ha convinto del tutto", ha spiegato Schröder.

Ma il team assicura che si tratterebbe solo di un esperimento: i cianobatteri rimarrebbero confinati all'interno dei laboratori e distrutti a fine missione. "Non vogliamo fare del male a Marte", ha aggiunto Schröder che si è candidato anche come colono per la futura missione umana.