Scritto: Giovedì, 21 Maggio 2020 05:24 Ultima modifica: Giovedì, 21 Maggio 2020 13:13

Una vela ultra sottile per viaggiare verso l'infinito e oltre


Una vela minuscola e sottilissima ha superato i test iniziali dimostrando che il materiale utilizzato potrebbe essere adatto alle vele solari per i viaggi spaziali.

Rate this item
(1 Vote)
Vela in grafene. Vela in grafene. Crediti: GrapheneSail team

 Le vele solari o fotoniche sono una delle tecnologie di propulsione spaziale più promettenti e relativamente economiche, che potrebbe permetterci di raggiungere altri sistemi stellari. L'accelerazione è lenta e la velocità non è quella della luce ma i veicoli spaziali spinti dalla pressione di radiazione sono leggeri perché non hanno bisogno delle grandi quantità di carburante che richiedono i viaggi standard, sono facili da lanciare a da manovrare.

IKAROS

IKAROS - Crediti: JAXA

 IKAROS (Interplanetary Kite-craft Accelerated by Radiation Of the Sun), lanciato nel 2010, è stata la prima vera dimostrazione sul campo, in piccola scala, di questa tecnologia. La sonda giapponese era stata lanciata insieme ad Akatsuki (Venus Climate Orbiter) che oggi sta esplorando Venere.

 Finora le vele spaziali hanno impiegato poliimmide e in mylar, tuttavia anche il grafene sembra promettente perché è molto più leggero. I ricercatori ne hanno testato un campione largo soli 3 millimetri e realizzato  da un singolo strato di atomi di carbonio.

Brema

 Durante il test, il piccolo foglio è stato fatto cadere da una torre alta 100 metri a Brema, in Germania, per verificare le condizioni di vuoto e microgravità (immagine a destra, credit ESA). Una volta in caduta libera, è stato colpito con una serie di fasci laser per vedere se si fosse veramente comportata come una vela. L'esperimento è stato incoraggiante: il laser da 1 watt ha accelerato la vela di 1 m/s2 (qualcosa di simile all'accelerazione di un ascensore). 

 "Realizzare il grafene è relativamente semplice e potrebbe essere facilmente ridimensionato fino a vele di un chilometro di larghezza, sebbene lo spiegamento di una vela gigante sarà una sfida seria", ha commentato Santiago Cartamil-Bueno, leader del team GrapheneSail e direttore di SCALE Nanotech, una start-up di ricerca operativa in Estonia e Germania.

 

Altre informazioni su questo articolo

Read 351 times Ultima modifica Giovedì, 21 Maggio 2020 13:13
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista